Louis C. K. e le altre stelle cadenti messe alla gogna

Viviamo l’epoca in cui è vietato parlare di perversioni e di ruoli tra uomo e donna

Louis C. K. e le altre stelle cadenti messe alla gogna

Louis C. K.

Le stelle cadono, carriere di grandi attori o commediografi come Spacey e Louis C. K. finiscono nella palta, il mondo dello showbiz, della comunicazione e della cultura (caso Wieseltier) è in subbuglio, scricchiolano governi, predicatori cristiani e giudici moralisti duri e puri come il repubblicano Roy Moore devono rinunciare alla candidatura al Senato, i democratici e liberal americani hanno avuto e hanno la loro parte in commedia, non si parla d’altro nei giornali in tv nei social nei convivi amicali,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    12 Novembre 2017 - 03:03

    Caro Ferrara, l’emulazione e’ incontrollabile e fa dire, anche dopo 20 o 30 anni: e’ capitato anche me. Quel prete mostruoso che usa un linguaggio poco pretesco, forse per farsi comprendere meglio dai ggiovani, puo’ fare un buon tavolo di poker con Giovanardi, Salvini e Sallusti.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    11 Novembre 2017 - 16:04

    Parliamoci chiaro: c'é più gusto a raccontarlo, che a farlo. Siccome non c'è più morale né pudore, chi non può più permettersi di farlo si butta a pesce a raccontarsi senza ritegno, cosí... per farsi notare è vedere l'effetto che fa... Tutto e solo esibizionismo. Di sincero o scrupoloso ravvedimento neanche l'ombra, di pentimento poi... COLPA di tutti: tranne mia. Lo schifo non è ora per allora, è ancor peggio questo di adesso per adesso!

    Report

    Rispondi

  • Silvius

    11 Novembre 2017 - 10:10

    Davvero, caro Ferrara, a volte Lei mi stupisce. Condivido molto di questo articolo, e spesso condivido in toto altri articoli. Ma come fa, benedetto uomo, a sostenere che il “divorzio ha creato il matrimonio seriale”, a confondere in modo così assurdo cause ed effetti? Perché ciò che Lei dice abbia senso, dovrebbe sostenere che prima del divorzio i matrimoni fossero idilliaci. Invece no: la Sua affermazione è vera solo nella misura in cui il divieto del divorzio ha creato matrimoni che sono stati delle prigioni. La società cambia e uno dei suoi capisaldi - la famiglia - pure. Diciamo pure che è in crisi. Ma non saranno certo divieti o arroccamenti a salvarci. Suvvia.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    11 Novembre 2017 - 09:09

    Intanto,ascolto in Tv donne e ragazze che vanno a farsi fecondare artificialmente chissà dove affermare orgogliosamente: voglio un figlio e del maschio non ho per fortuna bisogno, del maschio non mi importa e anzi non ne voglio proprio sapere. All’intervistatrice che chiede loro: ma deve però ammettere che suo figlio non conoscerà il padre, in pratica non avrà padre...replicano purtroppo sarà così, ma glielo spieghero’ un giorno, capirà e se ne farà una ragione. La chiamavano liberazione sessuale, conquistata dopo lunga lotta a partire dalle barricate epiche del ‘68...Dopo il diluvio delle intercettazioni becchiamoci pure lo tsunami delle palpate di culo. Da Mani pulite a Mani sporche, par di capire, la rivoluzione moralista con annessa gogna massmediatica giustizialista pare non avra’ fine.

    Report

    Rispondi

    • gianni.rapetti

      11 Novembre 2017 - 11:11

      Da Mani Pulite a Mani Morte.

      Report

      Rispondi

Servizi