Il molestatore sul lettino

Non c’è godimento senza castigo, e lui lo sa bene. Un po’ di Freud per l’uomo di potere infoiato

Il molestatore sul lettino

Foto LaPresse

I cosiddetti Uomini di Potere – di portiere, sghignazzano i portieri, per subito spaventarsi e poco dopo fare spallucce – possono perdere faccia, famiglia, patrimonio, gloria eterna e, nel caso abbiano ideali, la battaglia di una vita. Quando credono di vincere pubblicamente la battaglia, possono perderla davanti a se stessi, dinanzi all’implacabile specchio delle tante brame. Specchio che a lungo è sembrato adularli, i Potenti, per poi spregiarli con un ghigno atroce. E chi è la più bella del reame?...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lucafum

    11 Novembre 2017 - 22:10

    l'uomo di potere è schiavo della fortuna - e tutte le donne, compresa Marina Ivanova Cvetaeva, sanno benissimo di essere sedute sulla propria fortuna.....

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    11 Novembre 2017 - 19:07

    Non c’è, credo, un’aggiunta di piacere -o addirittura il fulcro dello stesso- nel senso del potere o in quello del proibito o in quello del ‘peccato’. Non c’è n’è bisogno, basta l’istinto sessuale, che ha una forza strepitosa e accomuna l’uomo di potere e quello della strada. Semplicemente, kantianamente.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    11 Novembre 2017 - 11:11

    E certo così gentile signora l'interpretazione di Lacan della storiella Kant, il potere e tutto il resto. Ma se io, essendo stato per un giorno il sostituto del Weinstein dei bei tempi e mi fossi trovato davanti a uno stuolo di avvenenti fanciulle in fila pronte a tutto pur di ottenere la parte (credo che il "pronte a tutto", Marilin Monroe in appoggio, venga troppo spesso trascurato nel giudizio pol cor) avessi approfittato di questo non foss'altro che per faciilitarmi la scelta, si avrebbe voglia a cercare di estrarre dalla mia mente stesa sul lettino, facendola riandare al momento del fattaccio, sensazioni tipo come è bello esercitare il potere. Affiorerebbero ben altre sensazioni e pulsioni, tanto terra terra da non potere essere riferite nemmeno sul lettino.

    Report

    Rispondi

Servizi