Differenza tra Londra e Parigi. Parole vuote di Sadiq Khan

Al direttore - Con i limiti di una testimonianza generica osservo che se vai a Londra, per esempio ai Proms della Bbc, puoi andare alla Royal Albert Hall, dove si riunisce  un sacco di gente per ascoltare musica, e fare la fila, entrare, prendere un caffè, staccare il biglietto, sederti e tutto con un paio di cinture esplosive e granate addosso: no controlli apparenti di alcun tipo. A Parigi non ...

23/03/17

Anti vaccini e anti casta. Populisti? It’s not the economy, stupid

Al direttore - Gentiloni: “Ora regolarizzare il lavoro occasionale”. Ma farsi eleggere? Giuseppe De Filippi   Al direttore - Scartata come custode all’Università di Catania, oggi Sabina Berretta dirige un team di scienziati a Harvard. Poi dicono che non siamo esigenti con i bidelli. Michele Magno   Al direttore - Il varo del governo della Casaleggio e soci mi ha messo tranquillo e sereno. ...

18/03/17

I voucher, ok. E quando arrivano le elezioni? Viva Brazzale

Al direttore - C’è il referendum? Elimino i voucher. E quando arrivano le elezioni? Giuseppe De Filippi   Al direttore - Roberto Volpi si compiace del fatto che in Italia, nonostante il basso tasso di copertura vaccinale contro il morbillo, non si verificano epidemie e da questo evince la sostanziale inutilità della vaccinazione. Cita l’epidemia di morbillo in Romania, ma – come al solito – ...

16/03/17

In Egitto scarcerato Mubarak. In Italia siamo al Ruby quater

Al direttore - Robespierre: e no, adesso pure la Francia dei valori no. Giuseppe De Filippi   Al direttore - “C’è un ampio schieramento che non vede male il presidente dialogante, Gentiloni appunto, e già lo immagina nuovo capo del governo, anche al prossimo giro”: così martedì sul Foglio. Ma a sostenere un Gentiloni “prolungato” potrebbe anche esserci la prorogatio. A bocce ferme e con l’attuale ...

15/03/17

Consiglio per il prossimo Lingotto: imparare a memoria Nordio

Al direttore - Ho ascoltato Renzi al Lingotto e ho apprezzato le sue parole sulla giustizia. Mi chiedo però una cosa: ma perché nessun politico oggi ha il coraggio di dire una cosa ovvvia sul fatto che il modo migliore per favorire equilibrio tra politica e magistratura è smetterla di regalare ai magistrati strumenti per fare quello che vogliono con chi vogliono nelle indagini a prescindere da ...

14/03/17

Lettere al direttore

“Arrestare” è il verbo che domina la grammatica grillina

Al direttore - Mai avuto dubbi. Ho appoggiato il progetto innovativo di Veltroni, ho sostenuto lo sforzo riformatore di Monti e, per le stesse ragioni, ho visto nell’ascesa di Matteo Renzi alla guida del Pd un antidoto all’immobilismo antiriformista del Pd di Bersani. Si può pensare quel che si vuole di Matteo Renzi ma non c’è dubbio che abbia ripreso le idee-chiave della sinistra liberale e che ...

10/03/17

Il modo migliore per celebrare l’8 marzo è in un consiglio di T. May

Al direttore - Il Giornalista Collettivo non ha perso occasione, con il gentile (e speriamo involontario) contributo della curia ambrosiana (e dire che mi ero rallegrato alla notizia che dopo Martini e Tettamanzi, a Milano era tornato un vescovo cattolico), per stigmatizzare la distanza siderale tra l’attuale chiesa ospedale da campo(santo), misericordiosa e benevola nei confronti di Fabiano ...

09/03/17

Woodcock & co. Molto fumo, poco arrosto, molti arresti, zeru tituli

Al direttore - Wikileaks: ma che Ingroia è indagato? Giuseppe De Filippi     Al direttore - L’inchiesta Consip ristagna e i carabinieri brancolano nel buio, nonostante il fiuto investigativo del pm Henry J. Woodcock ci sia invidiato da tutto il mondo. A questo punto, sembra che il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone stia seriamente pensando di affidare le indagini al commissario Montalbano. ...

08/03/17

Il traffico di influenze, ultimo schiaffo al modello Montesquieu

Al direttore - Il reato di traffico di influenze serve ad abbassare la soglia della prova e aumentare la discrezionalità dei magistrati. L’accusa è difficilmente dimostrabile ma nello stesso tempo non è facile difendersi. Comunque serve a sputtanare gli indagati. Ovvio il reato è stato introdotto dal legislatore, cioè dalla politica che ha fatto il solito autogol. Come quando nel 1993 venne ...

07/03/17

La nascita del Tribunale Supremo Popolare. Idea post 80 euro

Al direttore - 30.000 a T. Poi a fare il resto ci pensa H. Con il corifeo M (insieme ad altri) e i fascisti B e L.   Giuseppe De Filippi Al direttore - Propongo che l’amministrazione della giustizia d’ora in avanti emani direttamente dal popolo e sia esercitata da un Tribunale Supremo Popolare. Propongo inoltre che d’ora in avanti i tribunali siano gerarchicamente subordinati all’Assemblea ...

03/03/17

Renzi e il caffè con D’Alema. I vitalizi e la sottomissione ai grillini

Al direttore - Qui il padre, lì il Fillon. Giuseppe De Filippi     Al direttore - Un caffé con D’Alema? Lei fa riferimento a Schröder. Nel 2005 l’Spd, allora primo partito, ebbe l’uguale del Pd: scissione di Lafontaine e formazione del Linke-Pds. Il riformista Schröder mise fine all’alleanza con i Verdi e lanciò il Neue Mitte (nuovo centro). L’Spd non ipotizzò neppure un caffé con lo scissionista ...

02/03/17

Montalbano al 40 per cento. Ora occhio alle rif. costituzionali

Al direttore - Montalbano al 40 per cento. Ora basta che eviti riforme costituzionali. Giuseppe De Filippi     Al direttore -  Nell’epoca della società dei capricci in cui viviamo non c’è da stupirsi se, ciclicamente, singoli casi (ultimo quello di Dj Fabo) vengono cavalcati dai sacerdoti della cultura della morte per spingere sull’acceleratore della laicizzazione della vita pubblica. Che nel ...

28/02/17

Un numero da ricordare per capire meglio l’Italia: 0,3 per cento

Al direttore - Sono rimasto colpito dalla vicenda dei cinquantacinque arresti (e novantaquattro indagati) dell’ospedale Loreto Mare di Napoli. Non stupisce il fatto che alcuni, evidentemente nella possibilità di farlo, non lavorino; ormai notizie di questo genere non fanno più notizia. Colpisce semmai la quantità di dipendenti “furbetti”. Ciò che mi domando è: quanto denaro spende lo stato per ...

28/02/17

Guelfo Guelfi (Rai) contro il pauperismo della Rai. Aiuto, c’è Davigo

Al direttore - Non fai in tempo a tornare alla Prima Repubblica che ti scoppia una Guerra fredda. Giuseppe De Filippi Al direttore - Ieri mi sono convintamente contraddetto. Pochi giorni fa avevo detto e scritto che porre un tetto ai compensi degli artisti in Rai equivaleva a spegnere la luce a San Siro: a luci spente non si vede più una mazza. I costi, i prezzi, il valore sono ingredienti di una ...

25/02/17

Multimedia

Servizi