Il "facilismo" che mina scuola e università

Allargare l’istruzione va bene. Ma puntando su qualità e concorrenza

Il "facilismo" che mina scuola e università

Foto LaPresse

Angelo Panebianco denuncia, partendo dalla astrusa sentenza del Tar che ha bloccato il numero chiuso in alcuni corsi di laurea, un patto scellerato che consiste nel non curarsi affatto della qualità dell’insegnamento occupandosi soltanto di aumentare il numero dei docenti, con effetti deleteri. Ha ragione, e anche su questo foglio si è spesso sottolineato che questo “facilismo” tra l’altro impoverisce in particolare certi insegnamenti per loro natura più rigorosi, come la matematica. Non ci sarebbe nulla da aggiungere se non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • garinperin

    07 Settembre 2017 - 17:05

    Concordo: nuovi atenei anche privati dove si coniughi qualità dell'insegnamento e competività tra docenti compresa la libertà di licenziamento!!

    Report

    Rispondi

Servizi