Bocciare non serve, ok. Ma a scuola la vera tragedia è abolire il merito

Bisogna dimostrare agli alunni che studiare serve davvero. Ma il mondo del lavoro sa utilizzare il talento?

Bocciare non serve, ok. Ma a scuola la vera tragedia è abolire il merito
Roma. In un paese in cui la meritocrazia si predica ma non si pratica, l’idea di abolire la bocciatura per scuole medie ed elementari ha generato reazioni molto forti. Non è irragionevole, visto lo stato in cui versa la scuola italiana: risultati sistematicamente inferiori alla media nei test PISA (Programma per la Valutazione Internazionale dell’Allievo), altissimi livelli di esclusione educativa, il secondo peggior paese OCSE per neets, giovani che non studiano e non lavorano. Ricordo spesso la frase sprezzante con...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi