La scuola precaria

La retorica del merito di Fedeli e la realtà delle assunzioni sanatoria

La scuola precaria

Il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli (foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    20 Marzo 2017 - 09:09

    E' questo il vero squallido volto del Pd. La sua cultura, le sue radici, le sue tradizioni non gli consentono che di essseee questo. La rapppresentanza politica di tanti nullafacenti senza meriti pero' con il diritto d'essere sistemati a vita a spese dei contribuenti, abbassando qualità e innalzando spesa corrente. In nome, naturalmente, della meritocrazia. Solo da noi si campa e governa mistificando.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    17 Marzo 2017 - 08:08

    A un millimetro dal sei politico. Todos caballeros, ancora qualche milioni di ignoranti pronti a credere nelle scie chimiche, obbedire alla Cgil, combattere per Grillo.

    Report

    Rispondi

    • mauro

      17 Marzo 2017 - 09:09

      E' proprio così, caro Valota, dalla padella di una dittatura alla brace di una democrazia che mette l'istruzione di un popolo in simili mani.

      Report

      Rispondi

Servizi