Le campagne antiscientifiche contro i vaccini hanno un argine: la ricerca

Anche in Italia si è diffusa una dissennata resistenza alle vaccinazioni. Per fortuna da alcuni anni si sta consolidando la scoperta dell'“immunità addestrata”. Le sue future applicazioni terapeutiche

Vaccini
In fatto di vaccini siamo purtroppo, sotto il profilo sociale, in una fase problematica. Si è diffusa, anche in Italia, una dissennata resistenza alle vaccinazioni – di cui anche il Foglio ha più volte denunciato l’inconsistenza scientifica e la pericolosità – creando non solo un alto rischio individuale per i non-vaccinati, ma anche un rischio collettivo, in quanto la potenziale diffusione di individui suscettibili alle infezioni causa un calo della cosiddetta immunità del gregge (herd immunity). Quando un agente patogeno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Aprile 2017 - 18:06

    Oh questa è bella .La ricerca argine alla disinformazione ed alla manipolazione 'scientifica',come se gli scienziati andassero in tivvù un giorno sì e l'altro no. pie illusioni. I cittadini ,in genere analfabeti di ritorno quando parla uno scienziato ,anche se usa termini comprensibili hanno una giusta diffidenza e poi quando arriva un Sigfrido irridente che spara sciocchezze abboccano come pesciolini al suo amo velenoso.

    Report

    Rispondi

Servizi