Animali: nuovo studio apparso su "Science", i cani capiscono le parole e l'intonazione umana

Roma, 31 ago. (AdnKronos Salute) - Nuova ricerca che, agli occhi degli amanti dei quattrozampe, potrebbe apparire scontata. I cani hanno la capacità di distinguere i vocaboli e l'intonazione della voce umana. Ma, e questa è la vera novità scientifica, lo fanno attraverso regioni del cervello simili a quelle che usano gli uomini. Lo dimostra un nuovo studio che appare su 'Science', a firma di scienziati della Semmelweis University di Budapest (Ungheria).

Animali: nuovo studio apparso su "Science", i cani capiscono le parole e l'intonazione umana

Roma (AdnKronos Salute) - Nuova ricerca che, agli occhi degli amanti dei quattrozampe, potrebbe apparire scontata. I cani hanno la capacità di distinguere i vocaboli e l'intonazione della voce umana. Ma, e questa è la vera novità scientifica, lo fanno attraverso regioni del cervello simili a quelle che usano gli uomini. Lo dimostra un nuovo studio che appare su 'Science', a firma di scienziati della Semmelweis University di Budapest (Ungheria).

 

Secondo gli esperti l'apprendimento del vocabolario "non sembra essere una capacità unicamente umana, seguita alla nascita del linguaggio, ma piuttosto una funzione ben più antica che sfrutta il collegamento fra sequenze di suoni arbitrari ai vari significati". Gli esseri umani comprendono i discorsi attraverso sia i vocaboli sia l'intonazione. Gli esperti hanno voluto capire se i cani facessero lo stesso: un gruppo di animali è stato esposti a registrazioni di voci con frasi differenti e toni diversi, ad esempio di lode oppure neutri. E' stata poi usata la risonanza magnetica funzionale per analizzare l'attività cerebrale dei cani quando ascoltavano le varie combinazioni.

 

I risultati mostrano che, a prescindere dall'intonazione, i cani elaborano i vocaboli, riconoscendo ogni parola, in un modo simile a quello degli esseri umani, cioè attivando l'emisfero sinistro del cervello. E poi elaborano separatamente l'intonazione, nelle regioni uditive dell'emisfero destro del cervello. Infine, sempre come gli esseri umani, i quattrozampe prendono in considerazione sia parole sia toni quando 'studiano' gli enunciati. In conclusione, secondo gli autori i cani capiscono sia le parole che l'intonazione umana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi