Pirozzi anche no

"Si faccia una domanda e si dia una risposta: ce la posso fare?”. Gasparri sul possibile candidato di Salvini alla regione. Intanto il sindaco di Amatrice fa un passo indietro

Messaggio ricevuto

Sergio Pirozzi (foto LaPresse)

Roma. “Sergio Pirozzi? Lo dico con il massimo rispetto per il sindaco di Amatrice, ma prima di candidarsi uno dovrebbe farsi una domanda e darsi una risposta: ce la posso fare? Non tanto a vincere, quanto poi a occuparsi di quello di cui ci si deve occupare. Sa, io non sono per l’improvvisazione in politica”. E’ il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri che parla, nel giorno in cui, a proposito delle possibili candidature di un centrodestra ancora diviso sulla via delle elezioni regionali, è ricomparso sul Messaggero, sotto la dicitura “nome cui guarda Matteo Salvini”, il nome di Sergio Pirozzi, che il Foglio indicò come candidato del centrodestra già a luglio. L’uomo simbolo dei comuni terremotati e autore di un libro-manifesto (“La scossa dello scarpone. Anatomia di una passione sociale”).

 

Un nome cui non si può dire no?

“Veramente per me in politica vale la regola calcistica per cui un tifoso della Roma, per quanto affezionato, non possa certo mettersi a giocare contro il Chelsea. La politica ha bisogno di esperienza”.

 

Le elezioni nel Lazio si avvicinano, la sinistra e i Cinque stelle si sono già espressi, il centrodestra nicchia.

“C’è tempo, probabilmente ci sarà l’election day, il contesto non è ancora chiaro. Dopodiché ricordo che il centrodestra, in passato, ha vinto varie tornate elettorali. Regione, provincia, comune: Storace, Moffa, Alemanno. Non certo dei nuovi venuti, e però nessuno di loro ha rivinto. Questa riflessione dovrebbe precedere l’invenzione di nuove leadership e dovrebbe sconsigliare l’improvvisazione. Abbiamo visto Pirozzi all’opera con efficacia e passione nel post-terremoto, ma il candidato presidente della Regione deve prima di tutto domandarsi: ce la posso fare a occuparmi di ospedali e trasporti? E noi domandiamoci: siamo sicuri che il nuovo che avanza sia sempre la risposta?

 

Ma il nome di Pirozzi è in linea con la ricerca di nomi “di società civile”. Ha anche scritto un libro che parla al territorio.

“Di fiere del libro che ne sono tante, però per fare il presidente della Regione, ripeto, bisogna mettersi davanti allo specchio e dirsi: sarò all’altezza di gestire la questione Cotral? E devi farti la domanda prima di vincere, perché il giorno dopo la vittoria ci sei solo tu con i problemi da risolvere. In Italia spesso si fanno passi troppo grandi per le proprie gambe, vedi anche Matteo Renzi. E io guardo al 2018, ma pure al 2023: la destra unita può vincere, ma dovrebbe anche avere un nome con cui rivincere”.

 

Se non Pirozzi, chi?

“Fabio Rampelli ha molta esperienza alle spalle, come pure, nel loro campo, Paolo Barelli e Luisa Todini. Ma io dico: perché non Giorgia Meloni? Anche se so che ha altre legittime ambizioni”. Il Campidoglio?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi