E mentre ce lo beviamo, dal lago di Bracciano affiorano ville romane

Oggi tra siccità, i prelievi abusivi e quelli forzosi di Acea, la situazione sta lentamente regredendo a quella dell’antica Roma. Ma il cambiamento di 2000 anni fa fu dovuto a un evento catastrofico che avvenne in un giorno o due

E mentre ce lo beviamo, dal lago di Bracciano affiorano ville romane

Il lago di Bracciano nell'agosto 2017, durante l'emergenza idrica (foto LaPresse)

La nobiltà della Roma antica amava villeggiare e far vendemmia sulle sponde di quello che chiamavano Sabatia stagna, il lago di Bracciano. Sulle sue rive molti aristocratici avevano costruito le loro ville, ignari che un improvviso innalzamento delle acque le avrebbe sommerse. Infatti, fu proprio sotto l’impero di Nerone, 2000 anni fa, che il lago di Bracciano divenne quello che conosciamo oggi.      Poi, pochi anni fa, durante un periodo di secca, alcune ville sono riemerse. Giuseppe Cordano, docente...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi