La non Mafia Capitale mentre Roma brucia

Il processo sembra essere diventato la linea d’ombra tra l’età dell’inconsapevolezza e l’età della presa di coscienza dello sfacelo

La non Mafia Capitale mentre Roma brucia

Nel giorno della sentenza per Mafia Capitale, processo monstre che a Roma sembra essere diventato la linea d’ombra tra l’età dell’inconsapevolezza e l’età della presa di coscienza dello sfacelo (dopo Mafia Capitale anche i topi e i gabbiani, nell’immaginario collettivo, sembrano aver preso piede sugli umani, tra roghi e sacchi di monnezza). E dopo due anni, due sindaci e 230 udienze nell’aula bunker di Rebibbia, la sentenza è vista come tappa catartica, giorno del giudizio dopo il quale i romani saranno catapultati nella nuova epoca dei Buoni e dei Giusti. Ma coloro che Buoni e Giusti si proclamano (i Cinque Stelle) e che, proprio sulla scia di questo processo, hanno sempre accusato i partiti di essere “marci” e inefficienti, in questi giorni, in piena emergenza-incendi, sacrificano il sangue freddo alla litania dietrologa da web, twittando contro nemici evanescenti, menti sconosciute del cosiddetto “complotto” del fuoco (gli incendi, secondo la social-propaganda, sono parte di un piano anti-sindaco Virginia Raggi). Intanto Raggi appare nella foto del day-after dalla pineta di Castel Fusano, intenta a camminare impolverata, come spettro-viandante preso da “La strada”, il libro apocalittico di Cormac McCarthy, e poi nel video della sera dopo quando, con aria smarrita, si rianima leggermente per l’applauso flebile davanti alla torta del suo compleanno. E il problema è, sì, il rogo, tanto più che a Roma la Protezione Civile ancora non ha un capo (in arrivo in queste ore – si spera), ma soprattutto il rogo che lega Roma a Ostia, il municipio da duecentomila persone in cui si vota a ottobre, terra di frontiera (e clan) davanti al mare, e in alcuni punti teatro di vecchi e nuovi romanzi criminali. E i Cinque Stelle, Beppe Grillo in testa, attorno al fuoco di Ostia costruiscono via hashtag la battaglia politica (e di propaganda) in vista del voto d’autunno (Grillo stesso, nei giorni scorsi, aveva fatto notare ai consiglieri comunali di M5s considerati più promettenti che Ostia non va mollata, visto il forte significato simbolico). E l’intendenza esegue, tweet dopo tweet, pseudo notizia dopo pseudo notizia. Che fa Raggi mentre Ostia brucia, con un piano di emergenza “fermo al 2008”, ha chiesto polemicamente la spesso afasica opposizione? Raggi, da Castel Fusano, ha invocato “l’aiuto della regione e del governo”, mentre il presidente pd del Lazio, Nicola Zingaretti, chiedeva lo stato d’emergenza. Si scatenava allora tra regione e comune l’inutile polemica sulla “tempistica” di intervento dei canadair sugli alberi ormai ridotti a cenere. Poi però il sindaco, prima del compleanno, ci metteva la toppa (“stiamo lavorando insieme per risolvere l’emergenza”). Auguri. Anche a noi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    20 Luglio 2017 - 17:05

    Stravinceranno e domineranno l'Italia come i topi le fogne. Siamo strapieni di ignoranti addestrati fin dalla prima elementare a credere a ogni propaganda inverosimile, basta che scarichi la responsabilità della loro insufficienza su altri. Prima erano i padroni, gli USA e i fascisti. Oggi chiunque non sia grillino è altrettanto per definizione un disonesto.

    Report

    Rispondi

Servizi