Legge della fettuccina

I ristoranti frequentati dai Trump rivelano una Roma dove il romano non mette mai piede

Legge della fettuccina

Foto di Lachlan Hardy via Flickr

Intanto, i vigili: parevano scomparsi, introvabili, nascosti chissà dove – mistero buffo e anche regalo della sorte accolto con sollievo, avevano pensato molti cittadini – ma nei giorni della visita di Donald Trump ecco che i vigili, a gruppi di due, tre, quattro, come macchie ordinate di bianco e nero nel mare di turisti in ciabatte, sono apparsi ad animare gli incroci e gli scorci transennati. Poi, i luoghi: c’è qualcosa che colpisce nei movimenti dei Trump a Roma (anzi, i “Trampe”, come nelle ultime 48 ore si è sentito dire in bar, taxi e metropolitane, anche nella versione “ce stanno i Trampe” – e si è capito una volta di più che Roma, a differenza di altre città, digerisce qualsiasi cosa senza sdegno eccessivo, e anzi con la sufficienza e l’indolenza dell’antica capitale imperiale, ma pure con il tic provinciale che prevede affettuosa tolleranza per lo straniero famoso in visita chiunque sia). E insomma ci si ritrova a osservare ipnoticamente rapiti i Trump, specie nella persona della figlia presidenziale Ivanka, che come i presidenti democratici non invisi a mezzo mondo (vedi i Clinton) e come gli attori di Hollywood, scelgono di cenare in luoghi dove il romano medio mai ha messo piede in vita sua. E così, mentre ci si interroga sulla Melania in abito nero che non dà la mano al marito come quando ha l’abito bianco in Israele, ma poi cede durante la visita alla Cappella Sistina, e sul discrimine tra “first lady che indossa Dolce e Gabbana” e first lady che non lo indosserebbe mai, i luoghi assurgono a simbolo della Roma parallela che esiste e non esiste: vera nell’immaginario americano, sconosciuta agli autoctoni. Ed ecco che il romano si ritrova a fantasticare sulla dinamica: chi sceglie i luoghi-non luoghi che da quaranta, cinquanta, addirittura cento anni (come “Alfredo alla Scrofa”, quello delle fettuccine mangiate da Mary Pickford e Douglas Fairbanks) spuntano nell’agenda delle visite di divi e presidenti? Chi decide quando e dove? L’ambasciatore? I misteriosi dieci amici di Ivanka? Fatto sta che “Le Cave di Sant’Ignazio”, ristorante dietro al Pantheon frequentato da politici ma non entrato nelle cronache quanto “Fortunato”, è emerso dalla semioscurità come “casa” adottiva della First daughter, ma anche come abitudine trasversale dello straniero (i soliti Clinton ci andavano, ma pure i russi, poi Hillary da segretario di Stato prediligeva “Pierluigi” in Piazza dei Ricci). E che dire de “L’antica pesa”, ristorante di Trastevere aperto dal 1922, luogo prediletto delle star, e forse pure di Ivanka (che ieri voleva cenare lì o al “Bolognese”), ma anche luogo invisibile per molti abitanti del rione? “Il luogo si tramanda per passaparola secolare di semi-vip”, dice un osservatore esperto in ramo mondanità, alludendo alla voce dell’amico-degli-amici del visitatore altolocato, frequentatore ubiquo ma non sempre aggiornato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • paolougo

    14 Giugno 2017 - 11:11

    Vi racconto in breve la storia di mio nonno Alfredo Di Lelio e delle sue “Fettuccine Alfredo”. Le inventò a Roma nel 1908 nella trattoria della madre in Piazza Rosa, (Piazza scomparsa nel 1910 per la costruzione della Galleria Colonna). Con le sue fettuccine assicurò un ricostituente naturale, a base di burro e parmigiano, a mia nonna Ines, prostrata in seguito al parto nel 1908 di mio padre Armando. Nel 1914 Alfredo aprì a Roma il suo primo ristorante in via della scrofa, che gestì fino al 1943, per poi cedere l’attività a 2 suoi camerieri. Nel 1950 Alfredo aprì Il Vero Alfredo in Piazza Augusto Imperatore, ove le fettuccine Alfredo sono da me servite con le 2 posate d’oro “originali” regalate nel 1927 ad Alfredo dagli attori americani M. Pickford e D. Fairbanks. Saluti Ines Di Lelio

    Report

    Rispondi

Servizi