Perché a Roma non c'è un sistema al servizio del turismo e della storia?

Filippo Cosmelli è un imprenditore che porta in giro per la Capitale i milionari di mezzo mondo: “Siamo appetibili, ma manca una strategia d’uso del patrimonio”

Perché a Roma non c'è un sistema al servizio del turismo e della storia?

Foto LaPresse

Filippo Cosmelli comincia chiedendo di allargare lo sguardo. “Partiamo dalla percezione che gli stranieri hanno del centro storico di Roma – ci dice – e che tendono a definire, a letteralmente vedere, piccolo, mentre in realtà è immenso. 1430 ettari all’interno delle mura Aureliane. Eppure quartieri come il Celio o l’Esquilino non sono considerati centro, il che è ridicolo perché significherebbe avere un’idea di città più misera rispetto a quella di 2000 anni fa”.

 

Della capacità di vedere più a fondo e più in largo Cosmelli ha fatto la carta vincente del suo business, riuscendo a proporre alla migliore clientela internazionale offerte uniche di esperienze storiche e artistiche. Sembrerebbe il colmo in una città come Roma, dove bello e pittoresco sono scodellati lì un po’ per tutti. Ma appunto gli errori fioccano proprio dove c’è troppa offerta. “E’ difficile menzionare quali luoghi sono ancora da valorizzare, perché la lista e lunga e soggettiva – dice Cosmelli – c’è piuttosto un problema di approccio, di mancanza di visione. I mercati di Traiano ad esempio: sono un sito archeologico straordinario ma si è sentito il bisogno di trasformarlo in un mero contenitore: nasce così il museo dei fori imperiali, che ovviamente ha un appeal molto scarso perché chi legge il nome museo sa che ce ne sono altri mille più importanti a Roma da visitare. Roma ha caratteristiche molto appetibili per i viaggiatori contemporanei ma nessuno è in grado di promuoverle: ha decine di parchi storici, da villa Borghese a villa Sciarra, che nessuno va a visitare”.

 

Forse si dovrebbe riflettere su cos’è oggi il turismo? “Il turismo come fenomeno sociale non è studiato. I turisti di oggi sono diversi da quelli di dieci anni fa ma nessuno a Roma se ne è accorto. A Roma ci sono meno turisti rispetto a Parigi, ma lì si vedono di meno; hanno un impatto meno rovinoso e più proficuo sulla città, perché si muovono all’interno di sistemi. Se io invece per visitare i mercati di Traiano, il foro di Traiano, i fori imperiali, il foro romano e il Colosseo devo fare 3 biglietti diversi e entrare e uscire quattro volte dai vari cancelli creo ovviamente caos. Senza contare la totale incuria verso ciò che è raggiungibile da Roma. Le ville della Tuscia sono come i castelli della Loira”. Errori nella organizzazione?“Si promuovono operazioni mastodontiche ma si dimentica di applicare una cura più specifica al patrimonio. Penso al Ludus Magnus, scavo a due passi dal Colosseo oggi ridotto a latrina, ma che rappresenta l’unico esempio di palestra gladiatoria praticamente integra. Solo con l’estrema vicinanza al Colosseo e la storia del sito si potrebbero attrarre migliaia di persone e invece è visto come un peso”. E tutto dovrebbe partire dalla promozione. “Non c’è una strategia precisa di utilizzo dei siti storici per eventi o spettacoli – dice Cosmelli, e subito si difende dalla critica bacchettona: “Intendiamoci, non che io voglia trasformare i siti di Roma in tante location per le feste di grandi griffe, ma visto che tanto lo fanno lo stesso vorrei che almeno ci fossero regole precise, tariffe precise. E un modo per guadagnare ma anche per valorizzare e promuovere. Porta più gente a Roma un film come 007 o la sfilata di Fendi alla fontana di Trevi che non un anno di campagne pubblicitarie dell’Enit”, l’ente nazionale del turismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi