Vuoi un pitbull? Prendi il porto d'armi

Non basta il patentino, com’è stato proposto. A nessuna persona avente i requisiti psichici verrebbe mai in mente di possedere un cane del genere

Il porto d'armi per i pitbull

Foto via Pixabay

Non il patentino, il porto d’armi. Se mi trovano addosso un taser, strumento capace di tenere a distanza gli alloctoni che dopo l’imbrunire si dedicano alle rapine dentro e davanti alla stazione di Parma, rischio l’arresto, se invece mi vedono con un pitbull rischio di passare per un amante degli animali. Eppure non si è mai sentito di un bambino fulminato da un taser, mentre di bambini sbranati da pitbull (o rottweiler o dogo o altre schifosissime razze da combattimento) sono piene le cronache. Non il patentino, com’è stato proposto, per detenere una di queste bestie letali ci vorrebbe un vero porto d’armi. Siccome per ottenere il porto d’armi bisogna avere i requisiti psichici (“assenza di disturbi mentali, di personalità e comportamentali”), il problema verrebbe risolto alla radice: a nessuna persona avente i requisiti psichici verrebbe mai in mente di possedere un cane del genere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Fufezio

    Fufezio

    22 Settembre 2017 - 03:03

    Ora capisco il casino che avete fatto, avete fatto scrivere di etologia a uno che si occupa d'arte. Italia Paese dove la competenza non conta!

    Report

    Rispondi

  • Fufezio

    Fufezio

    22 Settembre 2017 - 03:03

    Penso Langone di cani ne capisca come di meccanica quantistica. NIENTE. Altrettanto per gli altri due commenti di ignoranti assoluti. In due parole: Qualsiasi cane deve essere tenuto come un familiare, anche per un porcellini è la stessa cosa. Se lo tieni escluso magari in giardino a o alla catena, impara solo a difendere il territorio, se qualcuno disturba potrebbe mordere, Attenzione, solo l'uomo è una bestia che uccide di proposito, nessun altro animale lo fa se non è un predatore. L'animale non uomo, lotta per i suoi interessi, una volta ottenuti non uccide il contestatore. Non ha nessuna idea di dare la morte, al contrario della bestia homo. Ho avuto due Pit Bull, facevano vita con la famiglia, quando uscivamo a spasso venivano con noi come figli, senza guinzaglio. Ma certe cose le sanno gli addetti ai lavori, mentre a commentare trovi persone che pensano di poter dire la loro sul mondo animale. Attenti commentatori da strapazzo, gli animali sono cose SERIE, voi DANNOSE.

    Report

    Rispondi

  • Dario

    Dario

    21 Settembre 2017 - 12:12

    Benissimo. Non esistono cani cattivi, ma solo padroni incapaci, o esibizionisti, o pieni di conflitti irrisolti. Ma in attesa che qualcuno rieduchi i padroni che si fa con i loro cani inselvatichiti?

    Report

    Rispondi

    • Fufezio

      Fufezio

      22 Settembre 2017 - 03:03

      Usiamo bene l'italiano, inselvatichiti sta male, semmai non educati in famiglia. Che si fa? Non lo capisci da solo? Male. Esistono migliaia di strutture e di esperti che con te presente ti spiegano cosa è un cane e come va tenuto. Basta contattare un gruppo qualsiasi, per esempio Bairo, e loro risolvono gratis. Le persone aride non capiscono quanto amore e compagnia dia un animale non appartenete alla feroce specie Homo Perversus. Di Sapiens c'è penuria, nel suo piccolo lo dimostra anche Langone.

      Report

      Rispondi

      • Dario

        Dario

        22 Settembre 2017 - 14:02

        Caro Fufezio, sono convinto che esistano fior di associazioni capaci di rieducare cane e padrone. Il problema è che molti di quei padroni i loro cani li vogliono proprio così, e non farebbero un bel nulla per cambiarli perché, come ha scritto qualcuno, per molti il cane è il prolungamento della personalità. Non entro nella questione della "feroce specie Homo Perversus", se non per segnalarle che l'homo perversus può decidere di essere perversus oppure un benefattore dell'umanità, perché l'uomo è libero e consapevole. A quanto mi risulta, al cane questo ancora non è consentito. Per questo continuo a preferire l'uomo, anche perversus, ai cani e a qualunque altro animale.

        Report

        Rispondi

  • Saverio Gpallav

    20 Settembre 2017 - 23:11

    purtroppo il fanatismo animalista legalizzato ha permesso la diffusione di queste belve. forse non esistono cani buoni o cattivi ma esistono cani oggettivamente pericolosi e non. un chiuaua isterico può fare danni minimi. cani del genere possono uccidere e hanno ucciso. soddisfazione di qualcuno di possedere simili bestiacce non vale la vita di un solo bambino. meglio vietarne il possesso

    Report

    Rispondi

    • Fufezio

      Fufezio

      22 Settembre 2017 - 03:03

      Negativo, di bestiaccia che uccide c'è solo l'Homo Perversus. Ho spiegato nel mio commento. Dite solo quel che conoscete per esperienza , non per sentito dire o scrivere da giornalisti che scrivono di tutto ma non sanno di niente. Il cane non uccide, può mordere se deve difendere il territorio e viene disturbato, come è accaduto al nonno incapace.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi