Viviamo l'epoca dei cavernicoli in maglietta

Un tempo presentarsi da dandy era molto più difficile di oggi

Viviamo l'epoca dei cavernicoli in maglietta

Al tempo di Oscar Wilde per fare il dandy dovevi metterti un girasole all’occhiello. Al tempo di Lord Brummel dovevi disporre di un valletto, di una montagna di cravatte bianche inamidate e di molto tempo (“qualche ora” secondo i maligni) per azzeccare il nodo. Al tempo di Gabriele D’Annunzio dovevi possedere una camicia da notte di seta con foro profilato in oro all’altezza del pube. Al tempo dell’avvocato Agnelli dovevi mettere la cravatta sopra il pullover e l’orologio sopra il taschino. Oggi è tutto molto più semplice.

 

Grazie alla presente deculturazione, che in campo vestimentario si esprime con un ritorno al coprirsi sommario dei cavernicoli, per fare gli elegantoni spesso basta un paio di pantaloni lunghi. “A portare la camicia siamo rimasti io e te”, ha detto un amico in trattoria e mi sono girato ed effettivamente gli altri avventori erano tutti firmati Rousseau: selvaggi in maglietta. Si colga il buono del generale abbrutimento in questo sempre più facile distinguersi: solo dieci anni fa non sarebbe stato possibile indossare un cinquetasche azzurro comprato da Boggi in saldo e sentirsi un principe ereditario, oggi invece succede e mi è successo ieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    04 Settembre 2017 - 08:08

    Come ormai caritide ricordo di aver sempre indossato cravatta giacca ad un petto con gilet qualche doppio petto.Oggi c'è una libertà ed una varietà assoluta.A qualche tempo fa si portava la camicia fuori dei pantaloni anche con la giacca.Non so, non riesco ad esprimere un parere.Vedo personaggi invitati in trasmissioni combinati come profughi. .E' un periodo storico bislacco nel vestire ma di più a livello culturale degli acculturati .Alcuni sono dovrebbero andare dallo psicanalista.se lo ha fatto Bergoglio a mio giudizio non ancora guarito,mi pare intellettualmente sbandato.Parla in continuazione .Dovrebbe levare il posto al tipo che parla a radio Maria.Non è un vero papa e un pleonasma di papa. Meglio Alessandro VI.

    Report

    Rispondi

  • carloalberto

    02 Settembre 2017 - 23:11

    Non è che questa gente non si metta la camicia, è che la riserva per occasioni speciali. I ragazzini degli ultimi anni poi sono convinti che anche solo mettersi una camicia significhi essere "eleganti" (e portano solo scarpe da ginnastica, quelle di cuoio delle loro misure non esistono nemmeno più). Ma del resto negli anni Ottanta-Novanta, se un giovane si metteva anche una semplice giacca a quadretti, i coetanei lo guardavano come un marziano perché era considerato "elegante", mentre le camicie bianche erano (e sono tuttora) considerate "da vecchio". La decadenza dunque è cominciata diversi anni fa, direi negli anni '70, e da allora è stata una discesa verso il peggio. Ma non lo si può dire, perché se no "chi ti credi di essere" e "bisogna vivere nel nostro tempo".

    Report

    Rispondi

Servizi