I bradipi e i migranti

Prego di non invidiare i miei connazionali e il loro stato stuporoso davanti a ciò che sta accadendo

I bradipi e i migranti

Se il Congresso degli Stati Uniti avesse dichiarato guerra al Giappone non il giorno dopo Pearl Harbor bensì l’anno dopo, forse non mi sembrerebbe una grande anomalia il sequestro avvenuto solo l’altro giorno della nave “Iuventa” che dal luglio 2016 sbarcava africani in Sicilia. Se nel 1941 i tedeschi che assediavano Leningrado si fossero rivolti a un tribunale russo per ottenere ristoro dei danni causati dalle batterie antiaeree sovietiche, forse non mi sembrerebbe una grande assurdità la richiesta di dissequestro annunciata ieri dagli avvocati degli armatori della nave. Ma nei libri di storia è difficile trovare un’invasione affrontata con tanta lentezza, con simile inconsapevolezza. Vedo i miei connazionali immersi in uno stato stuporoso, simile a quello indotto da certe nuove droghe sintetiche, e prego di non invidiarli, di non desiderare di rifugiarmi anch’io in una reattività da bradipi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    04 Agosto 2017 - 16:04

    Egregissimo(*), bradipo sarà lei che, tra l'altro, non legge i commenti sul Foglio: qui sul Foglio e non solo chi adesso commenta, abbiamo già "detto" ,da due anni e mezzo, "che per tre anni Nazareno Renzi ha dormito e non ha mai parlato, del fenomeno dell'immigrazione inviando gli opliti PD ,mi perdoni Socrate, nelle trincee "omnibus"; omnibus nel senso di comparse al Carro di Tespi televisivo).Solo dopo tre anni,pochi giorni fa, il Nostro (come risorto, nazarenicamente parlando) ha espresso un profondo pensiero global sull'immigrazione: ""aiutiamoli a casa loro"; tale profondità di pensiero, veicolato da "verso" dantesco, pare, "lassù", abbia fatto impallidire Pascal; quaggiù molto più modestamente rispondo a mr. Langone. Non me ne voglia, io amo il caldo e 10 minuti fa ero immerso nelle acque del Plemmirio di Siracusa, tutto intorno grida gioia e sorriso, sorridiamo assieme che è meglio. (*) rileggendo il superlativo sembra lo spot di Lavazza, però fa extention con "lassù"

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    04 Agosto 2017 - 10:10

    Caro Camillo, per dirla in parole povere c'e' da chiedersi perché solo ora, a proposito del contenimento dell'invasione dei migranti, Gentiiloni e Minniti fanno o tentano di fare ciò che Renzi ed Alfano dovevano fare alcuni anni prima. Noto che la domanda sei l'unico a porla, sul Foglio. Mi domando perché. Non sara mica che queste misure di buon senso non si potevano adottare perché invocate dai beceri populisti del centrodestra? Oppure non sarà mica perché l'apparato cooperativo dell'accoglienza incassa cifre enormi di denaro pubblico, ma produce nuove forme di occupazione e lavoro e pure, si crede o si spera, nuovi voti alle elezioni? Qualche mese or sono, quando un procuratore oso ' proporre di guardarci dentro ai salvataggi delle ONG, il Foglio allarmato titolo': Dobbiamo guardarci dai migranti o dai Pm? Poi sono arrivati il codice di comportamento del governo, la missione militare nelle acque libiche ed il sequestro di una nave delle ong che non ha firmato il protocollo...

    Report

    Rispondi

    • gianni.rapetti

      04 Agosto 2017 - 17:05

      Perche' solo ora? Perche' il PD ha preso una paio di sonori schiaffoni alle recenti elezioni amministrative.

      Report

      Rispondi

  • fguidotti

    04 Agosto 2017 - 08:08

    Caro Langone, ma quale invasione, non si vergogna ad utilizzare una simile iperbole. Se oltre a scrivere per il Foglio, lo leggesse pure, saprebbe che la sua presunta invasione è solo una falsa emergenza, un pregiudizio, una bufala.

    Report

    Rispondi

    • GianniM

      05 Agosto 2017 - 22:10

      C'è anche qualcun altro che vede l'invasione (e, quindi, dovrebbe "vergognarsi"...): "Si può parlare oggi di invasione araba. È un fatto sociale". Di chi si tratta? Salvini? Le Pen? No... Papa Francesco! (intervista al periodico francese "La vie" del 2-3-2016).

      Report

      Rispondi

Servizi