Rispetto ai magazzini Amazon, gli uffici di Fantozzi erano molto più umani

Nell’immane stabilimento di Castel San Giovanni, in un giorno stabilito viene offerto lo spumantino a tutti i dipendenti nati nel mese: compleanno collettivo, depersonalizzazione totale

Rispetto ai magazzini Amazon, gli uffici di Fantozzi erano molto più umani

San Camillo, ogni anno il 14 luglio devo ringraziare di portare il tuo nome, di avere avuto una madre avversa ai costumi americani e dunque agli happy birthday, di avere avuto un maestro come Vittorio Messori che mi spiegò il protestantesimo del compleanno e il cattolicesimo dell’onomastico. Stavolta voglio ringraziare anche di non lavorare in Amazon. Nell’immane stabilimento di Castel San Giovanni di onomastici non se ne parla e ogni mese, ho letto, in un giorno stabilito viene offerto lo spumantino a tutti i dipendenti nati nel mese: compleanno collettivo, depersonalizzazione totale. Per buttarla sul ridere ci vorrebbe un nuovo Paolo Villaggio (ma forse non basterebbe perché gli uffici della fantozziana Italsider rispetto ai magazzini Amazon erano molto più umani), io la butto sul pregare: grazie per lo scampato pericolo e per le ventiquattro ore di speciale, personale benedizione che senza alcun merito ogni 14 luglio ricevo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carloalberto

    14 Luglio 2017 - 14:02

    Buon onomastico. Ricordo con tristezza quando anni fa, ogni volta che facevo a certi pseudogiovani "cattolici" gli auguri di buon onomastico, mi guardavano con fastidio e mi chiedevano perplessi: "Ma come fai a sapere queste cose?" (in altre parole: hai dei passatempi strani). Caro Langone, le racconto un'ultima cosa divertente: una docente di storia di cognome De Lellis la quale, a chi le proponeva di parlare delle persecuzioni subite dai cristiani, ha replicato che occorre trovare ciò che unisce e non fomentare l'odio. Commovente, vero?

    Report

    Rispondi

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    14 Luglio 2017 - 12:12

    A cent'annus cun saludi!

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    14 Luglio 2017 - 11:11

    Oddio che tragedia!

    Report

    Rispondi

  • GianniM

    14 Luglio 2017 - 11:11

    C'era un tempo in cui, in ogni famiglia, uno dei pochi libri che non poteva mancare era una "Vita dei santi": uomini delle più diverse condizioni, che avevano attraversato le più disparate esperienze, accomunati dalla capacità di divenire esempio per tutti e ispirazione particolare per chi - con l'attribuzione del nome nel battesimo - veniva posto sotto la loro protezione. Camillo de Lellis è uno dei fondatori della moderna assistenza sanitaria; portarne il nome è un grande onore e, al contempo, un grande impegno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi