Abbandonare Venezia per sfuggire ai barbari del XXI secolo

Il corteo dei residenti contro i turisti è un fatto epocale e riguarda il mondo senza frontiere

Abbandonare Venezia per sfuggire ai barbari del XXI secolo

Il corteo dei residenti veneziani contro i turisti è chiaramente un fatto epocale, che non riguarda solo Venezia né solo il turismo. Riguarda il mondo senza frontiere, una realtà grazie alla quale tutte le merci e tutte le persone dei cinque continenti possono contemporaneamente convergere in un singolo chilometro quadrato. Annientandolo. Una realtà ma anche un’ideologia come dimostra la soprintendente Codello che ancora una volta respinge l’idea dei tornelli a San Marco: per difendere il principio della libera circolazione di tutti dappertutto, la piazza può benissimo affondare. Non punterei un soldo sulla sorte dei residenti veneziani perché sono 50.000 mentre i loro avversari sono 7 miliardi, e il mondo senza frontiere è un mondo pienamente democratico dove contano solo i numeri. Si rassegnino, se vogliono sopravvivere, a fare il percorso inverso dei loro antenati, che in fuga dai barbari del V secolo abbandonarono Aquileia, Concordia e Altino per insediarsi a Rialto: per sfuggire ai barbari del XXI secolo abbandonino Rialto e ripopolino Aquileia, Concordia e Altino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    04 Luglio 2017 - 19:07

    Sì, sì, però senza farci niente che convinca qualcuno di quei sette miliardi a fare un salto ad Aquileia, Concordia e Altino.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    04 Luglio 2017 - 14:02

    Eureka. Dopo oltre trent'anni la querelle "salviamo Venezia" (dai veneziani) sta giungendo al suo epilogo. La soluzione con istituzione della "città museo" è inevitabile ed improrogabile.

    Report

    Rispondi

Servizi