Quest'estate leggete Ceronetti

Che i buddistomani d’Italia, i cultori dell’Occidentali’s Karma, gli ammiratori del Dalai Lama e di Fausto Taiten Guareschi quest’estate leggano “Qohélet. Versioni e commenti dell’Ecclesiaste”

Quest'estate leggete Ceronetti

Francesco Gabbani. LaPresse/Stefano Colarieti

Che i buddistomani d’Italia, i cultori dell’Occidentali’s Karma, gli ammiratori del Dalai Lama e di Fausto Taiten Guareschi quest’estate leggano “Qohélet. Versioni e commenti dell’Ecclesiaste” di Guido Ceronetti. E’ un libro Adelphi pubblicato sedici anni fa eppure sul mio comodino di presentista ha scavalcato parecchi libri usciti da poche settimane: siccome non c’è niente di nuovo sotto il sole, tantomeno sopra i banchi delle librerie, nulla è più attuale dell’Ecclesiaste. “Havel havalim è risposta a tutto, uccide tutte le brame. Sulle sue ali, sei all’entrata di Nirvana”. Ci voleva l’acattolico Ceronetti per mostrare intera la potenza dell’omnia vanitas che supera tutti gli orientalismi, che smantella il kitsch e il trash dei vari esotismi religiosi. “Disperato senza essere triste”, Qohélet “estingue un buon numero di affanni superflui”. Senza rendersi ridicoli con gli Om e i gong, senza apostatare, rimanendo perfettamente canonici. Senza perdere tempo e denaro in corsi e soggiorni, senza faticare su testi prolissi (il tonto, inefficiente nichilismo buddista per dire che tutto è niente abbisogna di montagne di carta). Tutto è vanità, ma solo l’Ecclesiaste è sintesi, precisione, liberazione immediata e disintermediata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carloalberto

    02 Luglio 2017 - 15:03

    L'esistenza di un buddista di cognome Guareschi sembra una storia (amena) da racconto di Guareschi.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    01 Luglio 2017 - 11:11

    Solo per dirti che anch'io ho già da lungo tempo una copia dell'Ecclesiaste di Ceronetti, letta e riletta. Nota curiosa: l'ultima volta che ho ascoltato la lettura di alcuni versi di quell'Ecclesiaste in una chiesa cattolica fu nella cattedrale di Tunisi ai funerali dell'acattolico ( credo ) Bettino Craxi. Tra l'altro sepolto in terra con un rosario dono del Papà Santo Giovanni Paolo Secondo. Gianfranco

    Report

    Rispondi

Servizi