C'era più fiducia nel prossimo quando le frontiere erano chiuse

Massimo Zamboni in “Nessuna voce dentro. Un’estate a Berlino Ovest” (Einaudi) racconta del suo remoto viaggio verso Berlino

C'era più fiducia nel prossimo quando le frontiere erano chiuse

Foto LaPresse

Potessi avere la metà della fiducia nel prossimo che aveva un camionista nel 1981. Massimo Zamboni in “Nessuna voce dentro. Un’estate a Berlino Ovest” (Einaudi) racconta del suo remoto viaggio verso la Città del Muro: “1981. Luglio. Parto di martedì, casello di Reggio Emilia. Cerco uno strappo per la frontiera, dove dovrò procurarmi un passaggio su qualche tir in viaggio verso il Grande Nord. Con un classico pennarello Grinta punta larga ho scritto in nero su un rettangolo di cartone: Brennero”. Partì all’avventura anzi allo sbaraglio, da solo, con pochi soldi, senza conoscere il tedesco. Google Maps era molto di là da venire eppure Zamboni non mise in zaino nemmeno una cartina. Non sapeva nemmeno dove Berlino Ovest precisamente si trovasse, soltanto arrivato in Germania occidentale scoprì che era un'enclave circondata dalla Germania orientale. Che molti ragazzi, allora, partissero in questo modo, è già abbastanza stupefacente. Ma superstupefacente è che trovassero automobilisti e più spesso camionisti disposti a caricarli, gratis e senza i feedback che oggi rendono rassicurante l'esperienza BlaBlaCar. Io che diffido di tutti ammiro quegli antichi lavoratori della strada che si mettevano perfetti sconosciuti in cabina e prego di notare come al tempo delle frontiere vigilate le portiere si aprissero, mentre al tempo delle frontiere sguarnite le portiere si serrano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    30 Maggio 2017 - 11:11

    Langone, sei sempre il più grande!

    Report

    Rispondi

Servizi