Le ragioni della supremazia di Vittorio Sgarbi

È il Robin Hood della comunicazione, colui che regala alla provincia negletta la notorietà rubata alle capitali e ai mass media

Le ragioni della supremazia di Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi (foto LaPresse)

“Può tenere per due ore quattrocento persone ferme inchiodate a sentirlo parlare di un pittore minore del Trecento dal nome sconosciutissimo, e poi cambiare città e avere altre quattrocento persone ferme inchiodate a sentirlo parlare di un altro sconosciutissimo pittore del secolo successivo”. Luca Nannipieri in “Vittorio Sgarbi spiegato a mio figlio” (Aliberti) elenca le ragioni della supremazia sgarbiana e le frasi succitate mi aiutano a formulare una definizione ulteriore: Sgarbi è il Robin Hood della comunicazione, colui che regala alla provincia negletta la notorietà rubata alle capitali e ai mass media. E un’altra ancora: Sgarbi, prestando a ogni artefice e a ogni borgo l’attenzione che mai nessuno ha prestato loro, è il santo patrono dell’Italia minore, siccome “l’attenzione al suo grado più elevato è la medesima cosa della preghiera” (Simone Weil). Sempre sia lodato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lauraromana

    28 Maggio 2017 - 08:08

    Sì, sempre sia lodato anche per aver condannato questo provincialismo dei direttori stranieri di musei italiani, come se in Italia non ci fossero persone competenti e qualificate per farlo; e grazie a Vittorio Sgarbi per aver detto che questi stranieri messi a dirigwere i musei non sono più qualificati, non hanno affatto più titoli degli italiani.

    Report

    Rispondi

  • romamor

    26 Maggio 2017 - 13:01

    Sgarbi è la dimostrazione della metafisicità della materia.

    Report

    Rispondi

Servizi