Fare la differenziata è più comune che fare la comunione

I devoti di Allah partono per colpire i devoti di Cristo ma finiscono per colpire soprattutto i devoti di Gea

Fare la differenziata è più comune che fare la comunione

LaPresse/Mario Sarago

Vedo la cupola di San Pietro profanata dagli ambientalisti, vedo il Papa regalare a Trump l’enciclica ambientalista, leggo lo scrittore Kureishi secondo il quale i terroristi non sono pazzi e non sono maomettani, sono militanti politici di origine afro-asiatica che uccidono bambine di otto anni in risposta al colonialismo di ottant’anni fa e che perciò meritano attenzioni, risarcimenti, concessioni, forse monumenti e medaglie, poi finalmente approdo a monsignor Negri che ai morti di Manchester si rivolge così: “Naturalmente i vostri funerali saranno fatti all’aria aperta perché ormai l’unico tempio è la natura”. Ci voleva l’ultimo dei giussaniani, Dio ce lo conservi, per evidenziare che i devoti di Allah partono per colpire i devoti di Cristo ma finiscono per colpire soprattutto i devoti di Gea: non sanno che in Europa ovunque ti giri e ovunque tiri sono più numerose le persone che fanno la raccolta differenziata di quelle che fanno la comunione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    25 Maggio 2017 - 10:10

    No, c'è qualcosa che non quadra. Gli islamisti attaccano gli infedeli, non i cristiani in quanto tali, con la scusa strumentale delle crociate, mal interpretate dalla stessa storia scritta dagli infedeli storici occidentali che, in odio a Cristo, hanno definito i crociati aggressori quando erano scorte ai pellegrini e pellegrini loro stessi, massacrati dagli islamisti di allora. E' profondamente errato, caro Langone, far passare per vincitori gli islamisti che sono perdenti endemici, disperati in quanto terroristi. Il male che ci stanno arrecando ha la sua prima fonte nel nostro rifiuto di Dio e nell'adorazione del vitello d'oro. Nessuno sta rilevando in questi giorni come la punta di diamante dell'occidente, oggi degnamente rappresentato da Trump quanto lo è stato da Obama, prima di passare dai fratelli giudaici e cristiani, ha riservato la sua prima visita agli emiri arabi ed alla compravendita di armi e petrolio, in omaggio all'arabo Maometto anteposto a Cristo. Il resto è lagna.

    Report

    Rispondi

Servizi