Le donne che ambiscono a comandare hanno bisogno di terapia farmacologica?

San Pasquale Baylonne protettore delle donne, oggi è il tuo giorno e questa è la settimana in cui ho scoperto un paio di tuoi collaboratori

Le donne che ambiscono a comandare hanno bisogno di terapia farmacologica?

Una scena del film "Il diavolo veste Prada"

San Pasquale Baylonne protettore delle donne, oggi è il tuo giorno e questa è la settimana in cui ho scoperto un paio di tuoi collaboratori. Uno è Giuliano Guzzo che in “Cavalieri e principesse” (Cantagalli) descrive le numerose ricerche sulla differenza sessuale, comprese quelle che dimostrano “la correlazione positiva fra testosterone e status occupazionale femminile”: le donne che occupano o ambiscono a occupare posizioni di comando hanno quindi bisogno di aiuto e terapia farmacologica. L’altro è Édouard Philippe che prima di diventare primo ministro ha scritto un romanzo in cui racconta “l’impercettibile aridità delle donne che non saranno mai madri, cuore di uomo in un corpo di donna”: terapia farmacologica anche per loro, dunque. Insomma, fra Italia e Francia cresce la consapevolezza che molte donne abbiano problemi non di discriminazione bensì di salute: la diagnosi era facile ma per formularla ci volevano dei santi, o degli eroi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabrizia.lucato

    18 Maggio 2017 - 20:08

    Caro Langone, lasci in pace le donne che lavorano e si preoccupi di diventare padre. Le farà bene.

    Report

    Rispondi

  • Bacos50

    18 Maggio 2017 - 13:01

    Io sono ormai convinto invece che chi abbia bisogno di una terapia farmacologica d'urgenza siano altri. E’ noto oltre che evidente che ci sono degli uomini che vivono un profondo stato di disagio psicologico nei confronti delle donne e quindi le temono. Costoro per difendersi cercano con ogni mezzo di relegarle in ruoli e situazioni di sottomissione, soprattutto quando le "poverette" mostrano assoluta indifferenza al ruolo di madri. Farlo è legittimo, ma cuocere sempre gli stessi ingredienti anche se in modi diversi alla lunga stanca.

    Report

    Rispondi

Servizi