Preghiera per il ristorante Assunta Madre

Che il ristorante sequestrato riapra presto, che le accuse di riciclaggio cadano. Così continuerò a non andarci

Preghiera per il ristorante Assunta Madre

Foto LaPresse/Vincenzo Livieri

Che il ristorante Assunta Madre riapra presto, che le accuse di riciclaggio cadano. Così continuerò a non andarci. E potrò riprendere a vantarmi di non andarci come mi vanto di non andare, per ragioni diverse, da Cracco o da Inkiostro, da Berton o alla Pergola. Di regola non frequento ristoranti i cui titolari si fanno chiamare Johnny (o anche Jimmy, Joe, Michael, Anthony, Frank…), né locali frequentati da famosi perché se fai la comparsa pagata vuol dire che hai bisogno di soldi ma se fai la comparsa pagante vuol dire che hai bisogno di stima di te stesso. Che il ristorante Assunta Madre riapra presto anche per un altro motivo, per qualcosa che ho letto or ora sul sito: vi si cucina l’aragosta “viva al vapore” (Johnny Micalusi avrà tutte le colpe del mondo ma almeno non ha rinnegato Gesù dandosi al buddismo).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    11 Maggio 2017 - 15:03

    Caro Camillo qualche ricordo liceale mi dice che la neuro scienza ha stabilito che nell'essere umano naso e bocca sono due laboratori tanto straordinari da non aver eguali con tutta la scienza che cè. Eppure l'alta cucina sempre più ha trasformato 'il piatto ' l'attrezzo ove sono messi i cibi in una chic-art anzi art ,Arte pura . E chissene frega dei due meravigliosi laboratori che abbiamo sul muso che solo l'occhio conta.Devono essere bellissimi sennò il vip manco li assaggia. E cosicche quando tratti di mangiatoia sono a te sempre vicino spiritualmente materialmente edonisticamente e pure artisticamente se è vero che è bello e buono ciò che piace e non quello che è bello e piace all'altri

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    11 Maggio 2017 - 11:11

    Complimenti Camillo, maestro pure di arguzia. Te li esprime sinceramente un reprobo che confessa d'esser stato, ma solo una volta, da Cracco e pure Berton, non saprei dire se in veste di comparsa, ma per fortuna non pagante in quanto ospite di un caro e generoso amico. Quanto alla battaglia contro linsopportabile dittatura mediatica di vegetariani e vegani, considerami sempre in prima linea, e non solo perché adoro il Vangelo. Gianfranco

    Report

    Rispondi

Servizi