La democrazia è un pericolo per l'arte

I sostenitori degli algoritmi ricordino che Rousseau fu preso a sassate dalla folla e poté scrivere solo grazie alla generosità di conti e marchese

La democrazia è un pericolo per l'arte

Jean-Jacques Rousseau

La divina Isabella Santacroce cerca un nuovo re Ludwig di Baviera, il mecenate di Wagner, e lo scrive sul Giornale: “Non voglio più sapere che esistono bollette, affitti, l’Enel, le royalties da monetine in un cappello, gli anticipi da Caritas”. Io mi accontenterei di un nuovo Pietro Barilla, l’industriale che per decenni finanziò il poeta Attilio Bertolucci e il fotografo Carlo Bavagnoli (se ieri Bavagnoli non avesse avuto un simile sponsor oggi non esisterebbe la sua struggente mostra “Cara Parma” alla Fondazione Cariparma, ad esempio). Monarca o industriale cambia poco, basta che sia una persona e non un comitato, un assessorato, un algoritmo. Si riconosca come esiziale all’arte la democrazia, peggio se digitale (mai una piattaforma Rousseau produrrà un Wagner o un’Isabella Santacroce o anche per l’appunto un Rousseau, che la folla prese a sassate e poté scrivere solo grazie alla generosità di conti e marchese).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    12 Aprile 2017 - 12:12

    Eppure, caro Langone, dobbiamo rassegnarci, la democrazia non è soltanto esiziale per l'arte, lo è per l'intera cultura che l'ha partorita.

    Report

    Rispondi

Servizi