Emiliano, che mescola Moro col movimento operaio

"Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione", disse una volta Kissinger

Emiliano, che mescola Moro col movimento operaio

Michele Emiliano (foto LaPresse)

Secondo Michele Emiliano, in corsa per capeggiare la sinistra, un capo della sinistra dovrebbe “dare un seguito agli ideali della Resistenza, al movimento operaio, ad Aldo Moro e alle sue lotte per i diritti”. All’interno dell’inconsulta enumerazione, degna di Carlo Emilio Gadda, colpisce l’evocazione di Moro: per quali diritti lottò quell’antico levantino? Per introdurre i suoi machiavelli, ai congressi democristiani era capace di fare discorsi di sette ore. “Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni”, disse Henry Kissinger. Che i nuovi morotei non ci facciano nuovamente meritare quel vecchio giudizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    03 Febbraio 2017 - 09:09

    Camillo scusa se chissà come mi e' scappato di chiamarti Andrea. Forse e' colpa dei postumi dell'ottimo ed abbondante Lambrusco di Chiarli di ieri sera. Rimedio immediatamente: splendida preghiera, grazie caro amico Camillo. Anche per il consiglio del Lambrusco del fondatore, s'intende.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Febbraio 2017 - 09:09

    Splendido Andrea. Per quel che posso testimoniare - per occasionale quanto fortunata esperienza personale - dei nostri cattocomunisti Kissinger pensava ancora peggio. Credo a ragione.

    Report

    Rispondi

Servizi