Siamo vicini alla fine del mondo?

Sono le domande che mi pongo durante la lettura di “Da Fatima a Medjugorje” di Padre Livio, edito da Piemme

Siamo vicini alla fine del mondo?

Devo prenotare la pulizia dei denti, la prova sartoriale dell’ennesima giacca blu, la sostituzione dei pistoncini del portellone posteriore della macchina? Oppure non c’è più bisogno, tanto la storia sta per concludersi? Sono le domande che mi pongo durante la lettura di “Da Fatima a Medjugorje” di Padre Livio, edito da Piemme. Le farei allo stesso Padre Livio (ho la mail) se non temessi il suo sdegno: Ma come, io esorto alla conversione, al digiuno, alla preghiera, e tu continui a pensare all’esteriorità, ai balocchi, al guardaroba? Se è una colpa, la ammetto. Giustificato inizialmente dal punk (“No future”) e poi dal Vangelo (“Estote parati”) da sempre vivo alla giornata. Dopo questo libro anche di più. Padre Livio mostra i nessi fra le due grandi apparizioni e, sulla base di affermazioni mariane e pontificie, intorno all’incombente centenario di Fatima prefigura cose grandissime: la morte del Papa prima o appena dopo un pellegrinaggio al santuario portoghese, la vittoria della Donna vestita di sole sul dragone infernale e dunque (come specificato a pagina 178) su aborto, eutanasia, matrimoni omosessuali, gender, utero in affitto... Alcuni capitoli e il sottotitolo (“Il piano di Maria per un futuro di pace”) alludono all’inizio di un’epoca radiosa, eppure diversi passaggi mi fanno pensare alla fine del mondo. Non lontana nel tempo bensì a maggio o poco oltre. Perciò sono confuso: devo ugualmente prenotare il dentista, il sarto, il meccanico?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ElYAH

    04 Febbraio 2017 - 14:02

    Forse è arrivata la FINE e nessuno se n'è accorto..?? Non può essere..!! Tutti continuano a fare la propria vita, il centro commerciale, il cinema... la cena dai parenti, il lavoro, il televisore ad alta risoluzione, il corso di chitarra o di tedesco... etc etc... in realtà è tutto un "frustare l'aria"... Mi fermo un attimo, rifletto... Apro le Scritture e trovo questo: "Come avvenne ai giorni di Noè, così pure avverrà ai giorni del Figlio dell'uomo. Si mangiava, si beveva, si prendeva moglie, si andava a marito, fino al giorno che Noè entrò nell'arca, e venne il diluvio che li fece perire tutti." (Luca 17:26-27) Penso sia arrivato il tempo di mettersi a posto con il Padre Eterno...

    Report

    Rispondi

  • ElYAH

    04 Febbraio 2017 - 14:02

    "Vanità delle vanità, dice l'Ecclesiaste, vanità delle vanità, tutto è vanità." Forse è arrivata la FINE e nessuno se n'è accorto..?? Non può essere..!! Tutti continuano a fare la propria vita, il centro commerciale, il cinema... la cena dai parenti, il lavoro, il televisore ad alta risoluzione, il corso di chitarra o di tedesco... etc etc... in realtà è tutto un "frustare l'aria"... Mi fermo un attimo, rifletto... Apro le Scritture e trovo questo: "Come avvenne ai giorni di Noè, così pure avverrà ai giorni del Figlio dell'uomo. Si mangiava, si beveva, si prendeva moglie, si andava a marito, fino al giorno che Noè entrò nell'arca, e venne il diluvio che li fece perire tutti." (Luca 17:26-27) Penso sia arrivato il tempo di mettersi a posto con il Padre...

    Report

    Rispondi

  • malta1565

    30 Gennaio 2017 - 11:11

    pensa, io dovrei addirittura comprare una casa in città

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    29 Gennaio 2017 - 19:07

    Un segno! Langone (LANGONE!) che cita una frase latina CHE è UN MOTTO SCOUT!! Altro che Apocalisse!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi