Ci voleva un poeta per parlare di bene e di male

Nel tempo del Natale profanato leggo le ultime poesie di Claudio Damiani

poesia lettura libri

foto di Sam Greenhalgh via Flickr

“I cattivi ci saranno sempre, ma noi dobbiamo fare / come prima cosa di non essere noi cattivi, / di combattere il male e di seguire il bene”. Nel tempo del Natale profanato leggo le ultime poesie di Claudio Damiani, “Cieli celesti” (Fazi). Ci voleva un poeta, visto che i preti non lo fanno più, per parlare di buoni e di cattivi, di bene e di male. Il Papa ha parlato di “follia omicida” e allora prego che i suoi comunicati non vengano più scritti da monsignor Parolin o da padre Spadaro bensì da Claudio Damiani, uno che non la butta mai in psicologia o psichiatria o sociologia, uno capace di pronunciare parole bambine e pertanto più vicine a Gesù, uno che domanda: “Ma tu tesoro mio puoi non credere in quello che vuoi / ma un universo e miliardi di anni / ti sembra poco?”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi