Massimo Bottura e la micragna contrabbandata per responsabilità e solidarietà

marjory the trash heap

Marjory the trash heap, un personaggio dei Muppetts (foto LaPresse)

Sia maledetta la banana nera. E pure il pomodoro marcio. Ovvero gli ingredienti che secondo Massimo Bottura dovremmo imparare a valorizzare perché pomodori marci e banane nere sarebbero, anziché spazzatura, cultura. Insomma la micragna contrabbandata per responsabilità e solidarietà: secondo il grande cuoco (nel cui ristorante a onor del vero mai mi sono imbattuto in ingredienti meno che freschissimi), e secondo il micragnismo montante, per dare da mangiare agli affamati non dovremmo produrre di più bensì sprecare di meno. Facendosi piacere le banane nere e i pomodori marci, slurp. Ma perché non dovremmo produrre di più? Abbiamo gli Ogm, capaci di accrescere la produzione ma non l’impatto ambientale: usiamoli. E perché dovremmo sprecare di meno? Chi mangia banane nere e pomodori marci oltre a fare leggermente schifo sta togliendo lavoro a chi produce e distribuisce banane e pomodori. Poi i gusti sono gusti e i soldi sono soldi ma non si dia alla micragna una patente di moralità: micragna miserabile rimanga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • GianniM

    15 Dicembre 2016 - 14:02

    Se non piace la frutta marcia, si può sempre attingere a cavallette e insetti "freschi", tanto ricche di proteine e che hanno una "impronta ecologica" contenuta (si dice così?)... Insomma: mangiar male, vestirsi male, rinunciare a riprodursi: tutte facce dell'antiumanesimo, che paradossalmente (ma i fanatismi sono sempre paradossali...), per mutilare il naturale istinto di autoconservazione della specie umana (definito "specismo"), invoca l'idolatria della "natura".

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    15 Dicembre 2016 - 10:10

    Ma no Langone, lasci fare, lasci fare. C'è tutta un'umanità ansiosa di banane nere, pomodori marci, cavoli marci, specialmente se per ricevere il proprio deve mettersi in fila mezza giornata al giorno. E sono in aumento esponenziale: non solo quelli che predicano che si debba fare così, sottinteso 'voialtri'; ma soprattutto gli imbecilli che condividono de digito e de facto e votano, votano, votano in massa per ricevere la banana nera là, dove non batte mai il sole.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    15 Dicembre 2016 - 09:09

    Parafrasando quel comunistaccio di Petrini, dico che non se ne può più degli chef maschi. Questo è il risultato della scomparsa dalla cucina dell'amore delle nonne. Cibo marcio per l'appunto.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    15 Dicembre 2016 - 08:08

    Grazie Camillo. Pero' la beatificazione della micragna e della povertà non si predica - purtroppo - solo dal pulpito di Bottura. Gianfranco Trombetta

    Report

    Rispondi

Servizi