Né del saggio né dello stolto resterà un ricordo duraturo

Perché tanto affannarsi letterario e artistico?

Né del saggio né dello stolto resterà un ricordo duraturo

foto di Manel Torralba via Flickr

Perché tanto affannarsi letterario e artistico? Leggo l’ultimo libro di Arbasino (“Ritratti e immagini”, Adelphi) e mi viene in mente l’Ecclesiaste: “Né del saggio né dello stolto resterà un ricordo duraturo e nei giorni futuri tutto sarà dimenticato”. Non mi vergogno di ricorrere a Wikipedia per inquadrare Ding Ling, Manfred Gurlitt, Eduard Hanslick, Tatjana Jakovleva, Jurij Ljubimov, Colin McPhee, Bernhard Minetti, Nigel Nicolson, Pa Chin, Edith Sitwell, Peter Weiss, Zhou Yang, circa un quinto dei personaggi ritrattati. Chi erano costoro? Scrittori, compositori, attori già notissimi e forse bravissimi eppure oggi ignoti a me e credo a quasi tutti. Sic transit gloria mundi. Lo stesso Arbasino ne è consapevole: “Qualche anno dopo, anche celebrità come Tallulah Bankhead o Estelle Winwood o Harry Cohn richiedono qualche nota esplicativa a piè di pagina”. Dunque cosa resta? Qualche bella arbasiniana pagina, e la rilassante consapevolezza che “una generazione va, una generazione viene / ma la terra resta sempre la stessa”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    02 Dicembre 2016 - 13:01

    Caro Langone, una considerazione amara quanto vera.

    Report

    Rispondi

Servizi