Recitare il rosario allontana l’Alzheimer

Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi dimentichi

Recitare il rosario allontana l’Alzheimer

foto di Flickr

Madonna del Rosario, non ti prego insufficientemente solo per la mia poca fede, anche per la mia molta stupidità. Me lo ha fatto capire Guido Ceronetti col suo ultimo minilibro Adelphi, “Per non dimenticare la memoria”. Il Maestro dell’Apocalisse è terrorizzato dalla perdita di memoria “nel popolo bianco d’occidente” causata da ciò che chiama E-Memoria, la memoria elettronica. E ha identificato nella preghiera un antidoto: “I religiosi di chiesa, buoni o cattivi non importa, obbligati alla regolarità della preghiera e dei riti, sono fortunati per la memoria”. Dunque recitare il rosario oltre ad avvicinare a te allontana l’Alzheimer. Ma siccome c’è in tutti, anche in me, “una fretta e una brama di rimbecillire che mette i brividi”, quando va bene riesco a recitare una decina e torno subito ai miei schermi. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi dimentichi, adesso e nell’ora della nostra demenza definitiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mordini

    23 Novembre 2016 - 13:01

    Gentile Langone, lei non cita i rosari online dei siti web cattolici o quelli su youtube. Ad esempio,se si ha molto tempo si può dire il rosario con Giovanni Paolo II, che la tirava un po' in lungo, invece se si è di fretta Benedetto XVI è perfetto. Provare per credere https://www.youtube.com/watch?v=vFwKQ64B0fU&list=PLxERq0bQSyZidgeWvGQ1bMgELCrZGz_0n Per fortuna Dio, oltre ad essere il Misericordioso, deve avere anche un grande senso dell'umorismo, se no ci avrebbe già tutti incineriti. Auguri!

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    23 Novembre 2016 - 11:11

    A fini terapeutici meglio diversificare la preghiera. Il Rosario è molto ripetitivo.

    Report

    Rispondi

Servizi