Perché non andrò mai alla Biennale di Venezia

La Serenissima è città faticosissima, costosissima, infestatissima dal turismo e io ci metto piede solo per andare dal mio editore, che grazie a Dio sta dietro a piazzale Roma, fuori dal centro invaso

Venezia

Foto di Moyan Brenn via Flickr

La Serenissima è città faticosissima, costosissima, infestatissima dal turismo e io ci metto piede solo per andare dal mio editore, che grazie a Dio sta dietro a piazzale Roma, fuori dal centro invaso

Cecilia Alemani sia lodata: nemmeno nel 2017 avrò un motivo per andare alla Biennale di Venezia. La Serenissima è città faticosissima, costosissima, infestatissima dal turismo e io ci metto piede solo per andare dal mio editore, che grazie a Dio sta dietro a piazzale Roma, fuori dal centro invaso. Cecilia Alemani, curatrice del Padiglione Italia, ha invitato ad esporre tre artisti: il primo vive all’estero e fa installazioni per addetti ai lavori, il secondo non so dove abiti ma so che esplora le potenzialità artistiche dello sterco d’asino e della frutta marcia, il terzo è una donna di nome Adelita Husni-Bey, al contempo femminista e filoislamica, un’anglo-italo-libica le cui opere dai titoli in inglese sarebbero “strumenti per stimolare una coscienza critica del presente”, modi per “analizzare le relazioni di potere che caratterizzano la società capitalistica”. Cecilia Alemani sia lodata: quanta suola risparmiata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    17 Novembre 2016 - 22:10

    Solo che saranno i cervelli a non essere risparmiati da tali illuminanti argomenti.

    Report

    Rispondi

  • WalterT

    17 Novembre 2016 - 10:10

    Che articolo imbarazzante.... fuorviante, zeppo di cliché e che mostra quanto lei di Venezia non sappia nulla. Venezia è forse faticosa se ci si sposta solo a piedi e si è anziani o con problemi di deambulazione. Alternativamente esistono i vaporetti. La città è cara se si alloggia o si mangia nelle zone turistiche. La superficie della città "invasa" dai turisti è pari al 20%. Il resto è deserto.

    Report

    Rispondi

Servizi