Gli antitrumpiani dovrebbero andarci piano con i libri

Lo scrittore americano Gary Shteyngart, antitrumpiano come il 99 per cento degli scrittori americani, è convinto che anche il 99 per cento dei lettori americani sia antitrumpiano.
Gli antitrumpiani dovrebbero andarci piano con i libri

Foto di faungg's photos via Flickr

Lo scrittore americano Gary Shteyngart, antitrumpiano come il 99 per cento degli scrittori americani, è convinto che anche il 99 per cento dei lettori americani sia antitrumpiano. Per salvare l’America e forse il mondo dalla deplorevole restaurazione ha una ricetta: “Cominciamo a leggere un libro e a leggere un libro ai nostri figli”. Un libro? Quale libro, di grazia? Fossi antitrumpiano ci andrei piano coi libri. Io sono diventato un frontierista proprio leggendo libri: “La pietra dello scandalo” (René Girard), “Il nomos della terra” (Carl Schmitt), “Politica” (Aristotele)… E innanzitutto il libro dei libri che l’ebreo Shteyngart dovrebbe conoscere almeno quanto me: ho appena interpellato l’Ecclesiaste e il Siracide ed entrambi (vedasi Qo 10,8 e Sir 36,27) si sono dichiarati entusiasti del muro alla frontiera messicana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi