Un libro per i patrioti

Esiste un patriottismo anche alla nostra portata e l’ho trovato in “La via di Schenèr” di Matteo Melchiorre (Marsilio), libro di microstorie sulla micropatria alpina che si estende tra Feltre e il Primiero. 
Un libro per i patrioti
Esiste un patriottismo anche alla nostra portata e l’ho trovato in “La via di Schenèr” di Matteo Melchiorre (Marsilio), libro di microstorie sulla micropatria alpina che si estende tra Feltre e il Primiero. Non ne anticipo nessuna, basti ai patrioti sapere che lo storico Melchiorre non scrive da storico bensì da narratore (finissimo). E che, nonostante sia un ricercatore universitario, è un patriota anch’egli: “Pensai di mettere in piedi un progetto internazionale e di proporlo ai luminosi enti europei erogatori di ricchezza. Ma per queste cose servono un respiro internazionale, il coinvolgimento di atenei e centri di ricerca dall’Andalusia a Cracovia. E poi le doti caratteriali. Spirito di mobilità. Non aver radici in alcun luogo. Sentirsi partecipi del mondo tutto”. I patrioti, i radicati, i refrattari al mondo senza frontiere sappiano di avere un nuovo autore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi