Siano proibite tutte le razze di cani pericolosi

Un cane ha sbranato un bambino. Non è una notizia. Notizia, giornalisticamente parlando, sarebbe un bambino che ha sbranato un cane.
Siano proibite tutte le razze di cani pericolosi

(immagine di Jan Tik via Flickr)

Un cane ha sbranato un bambino. Non è una notizia. Notizia, giornalisticamente parlando, sarebbe un bambino che ha sbranato un cane. Ma anziché un giornalista io sono un letterato e quindi posso occuparmi di non notizie, specie se come in questo caso appaiono epocali e universali. A Cepagatti, in Abruzzo, un cane corso ha ucciso a morsi un bambino di nemmeno due anni. E’ stata aperta un’inchiesta ma che senso ha: i cani mordono, hanno i canini apposta. Bisognerebbe aprire un’inchiesta sulla mancanza di una legge contro le razze pericolose. Siano proibite tutte le razze pericolose (cane corso, rottweiler, pitbull, eccetera) e siano soppressi tutti gli esemplari di queste razze. A chi ha qualcosa da obiettare, a chi afferma che non esistono razze pericolose in sé, venga offerta questa alternativa: vuoi essere chiuso in una stanza con tre doghi argentini sconosciuti e nervosi o con tre chihuahua del medesimo cattivo umore? Sia consentito aprire bocca solo a chi sceglie i tre doghi nervosissimi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi