Diffidate delle scuole cattoliche (se si canta "Imagine")

Avete iscritto i bambini alla scuola cattolica e siccome siete persone fiduciose non vi siete sincerati che alla parola corrispondesse la cosa. Non avete fatto come Costanza Miriano che prima di portarci un figlio chiese alla suora: “Voi fate dire le preghiere?”. Costei si affrettò a rassicurarla, a
Diffidate delle scuole cattoliche (se si canta "Imagine")

Foto via Flickr

Avete iscritto i bambini alla scuola cattolica e siccome siete persone fiduciose non vi siete sincerati che alla parola corrispondesse la cosa. Non avete fatto come Costanza Miriano che prima di portarci un figlio chiese alla suora: “Voi fate dire le preghiere?”. Costei si affrettò a rassicurarla, assolutamente no, che stesse tranquilla: e fu così che il bimbo venne iscritto alla scuola statale. Invece voi avete candidamente iscritto i bambini alla scuola cattolica e adesso non sapete che cosa gli insegnano di preciso. Informatevi. Succede che le suore facciano loro cantare “Bella ciao” (non sto parlando degli anni Sessanta, sto parlando di questi anni Dieci). O, più spesso, “Imagine”. A queste religiose non sovviene che insegnare ai fanciulli “no religion too” sia una smentita all’abito (se portano l’abito) e alla retta. Sovvenga a voi. Qualora, trasferite gli eredi alla scuola statale dove Lennon lo cantano lo stesso, ma con coerenza (“No hell below us” si abbina benissimo alla legge Cirinnà), e senza retta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi