Yoga, morfina e cristianesimo

“La differenza fondamentale fra yoga e cristianesimo sta nel fatto che il primo persegue l’incontro con un divino impersonale nel quale ci si estingue mentre nel secondo si ricerca il Dio-persona”, scrive Mario Iannaccone, estensore della voce Yoga dell’utile “Dizionario elementare di apologetica”.
Yoga, morfina e cristianesimo

foto hamza Butt (via Flickr)

Non c’è più niente da fare, salvo testimoniare. Mario Iannaccone, estensore della voce Yoga dell’utile “Dizionario elementare di apologetica” pubblicato dal Timone, certamente sa che la nota ginnastica spiritualista è ormai inestirpabile dalla componente femminile dell’occidente decadente e brain free. Ugualmente ne scrive: “Il suo scopo ultimo è l’estinzione della coscienza”. E ancora: “La differenza fondamentale fra yoga e cristianesimo sta nel fatto che il primo persegue l’incontro con un divino impersonale nel quale ci si estingue mentre nel secondo si ricerca il Dio-persona”. Si noti come il concetto di estinzione continui a tornare. Si sospetti che lo yoga piaccia perché mostra a un popolo il cui quoziente di natalità è precipitato a 7,6 nascite annue per 1.000 abitanti, insomma al marcescente popolo italiano, come l’estinzione possa essere indolore se non perfino piacevole. Alla maniera della morfina lo yoga sembra essere, al contempo, un veleno e una cura palliativa. Io sono favorevole alle cure palliative, ma per i malati terminali: una donna giovane e sana che esegue una posizione yoga mi fa l’effetto di una donna giovane e sana che si metta il pannolone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Benedetta Spada Yoga

    Benedetta Spada Yoga

    12 Maggio 2017 - 16:04

    La seconda critica in quanto insegnante di yoga cristiano, senza voler ripetere alcuni elementi scritti molto bene nei commenti, è che lo yoga non è solo lo yogasana (le posizioni). Yogananda insegna che ci sono tre principali filosofie (non religioni) in India che sono quella del come fare (Yoga), quella del cosa fare (Shankhya), e quella del perché fare (Vedanta). Kriyananda suo allievo commenta bisogna "sapere perché è indispensabile cercare la verità, come farlo e cosa si può aspettare." Aggiunge "il tutto presentato con la massima chiarezza intelletuale possibile, pur sottolineando che solo l'esperienza diretta conferisce la vera comprensione." Ecco il punto la percezione diretta, già presente nei Veda, in Shankara, nelle preghiera di Gesù (filokalia) ed in alcuni rari insegnamenti dello cosidetto yoga oggi è ciò che mi rende migliore quando pratico/insegno yoga o quando prego. Benedetta Spada.

    Report

    Rispondi

  • Benedetta Spada Yoga

    Benedetta Spada Yoga

    12 Maggio 2017 - 16:04

    La prima critica in quanto editrice è l'uso appropriato della foto che è un screenshot di un video disponibile su Youtube e collegato con un account su Flickr che mi sembra falso. Il regista e fotografo, autore dell'immagine di Laruga si chiama Alessandro Sigismondi e va salvato anche se fosse solo per un screenshot. Come fare a non riconoscere i crediti al fotografo?!

    Report

    Rispondi

Servizi