L'eugenetica delle Olimpiadi

Ma quando finiscono le Eugeniadi? Ma quanto durano? La definizione giusta delle Olimpiadi ce l’avevo sulla punta della lingua ma Giulia Pompili mi ha bruciato sul tempo: “Eugenetica pura”. In effetti lo sport ha qualcosa di nazista (non per nulla Hitler teneva tantissimo ai giochi di Berlino 1936, n
L'eugenetica delle Olimpiadi

Ma quando finiscono le Eugeniadi? Ma quanto durano? La definizione giusta delle Olimpiadi ce l’avevo sulla punta della lingua ma Giulia Pompili mi ha bruciato sul tempo: “Eugenetica pura”. In effetti lo sport ha qualcosa di nazista (non per nulla Hitler teneva tantissimo ai giochi di Berlino 1936, non per nulla le più belle immagini sportive di ogni tempo si devono a Leni Riefenstahl) sebbene ecciti i dittatori di qualsivoglia colore: non esiste tiranno a cui piacciano le prestazioni del cervello. Ha qualcosa di nazista e di zootecnico: il miglioramento genetico è nato negli allevamenti. Ha qualcosa di nazista, di zootecnico e di anticristiano: “Un servo del Signore non deve contendere” (Seconda lettera a Timoteo). Io non so cosa ci trovino gli altri nella sagra del deltoide denominata Rio 2016: io ci trovo eugenetica pura, darwinismo puro, paganesimo puro. Quando finirà questo spettacolo osceno? Quando l’eugenetica tornerà a nascondersi nelle cliniche della fecondazione assistita?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi