Damiani ci ha ricordato la perenne validità dei classici

Claudio Damiani è uno dei tre o quattro poeti italiani viventi che riesco a sopportare (poche cose mi suscitano più insofferenza di un poeta che mi spedisca o minacci di spedirmi un libro di versi). Forse perché il suo atteggiamento è quello di chi vuole servire, non essere servito.
Damiani ci ha ricordato la perenne validità dei classici

Una statua del poeta latino Orazio

Claudio Damiani è uno dei tre o quattro poeti italiani viventi che riesco a sopportare (poche cose mi suscitano più insofferenza di un poeta che mi spedisca o minacci di spedirmi un libro di versi). Forse perché il suo atteggiamento è quello di chi vuole servire, non essere servito. Per lui la poesia, e la letteratura in genere, e vorrei dire la vita tutta, è un dovere e non un diritto. In “La difficile facilità. Appunti per un laboratorio di poesia” (Lantana) scrive che i classici vanno studiati “non tanto per appropriarcene quanto per essere accolti noi da loro”. Damiani fra i suoi maggiori annovera Orazio e Petrarca. Io da quanto tempo non rileggo le Odi e le Satire? Da quanti anni, per colpa di poetastri e romanzastri, mi disperdo e non torno presso colui grazie al quale scrivo come scrivo e penso come penso? Che Orazio mi perdoni. E da quanto tempo non leggo l’autore del Canzoniere? “Dall’Arabia io non credo ci sia venuto mai nulla di buono” scrisse nel 1370. Perenne validità dei classici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi