Tinder non rende obsoleta la prostituzione

Leggo “L’intelligenza è un disturbo mentale” di Paolo Bianchi, edito da Cairo, un romanzo di psicofarmaci e prostituzione. Il protagonista, un depresso houellebecquiano, frequenta soprattutto studi medici, farmacie e locali a luci rosse.
Tinder non rende obsoleta la prostituzione

Leggo “L’intelligenza è un disturbo mentale” di Paolo Bianchi, edito da Cairo, un romanzo di psicofarmaci e prostituzione. Il protagonista, un depresso houellebecquiano, frequenta soprattutto studi medici, farmacie e locali a luci rosse. Che tristezza, penso, consegnarsi a Maya e allo Xanax, a Luana e al Tavor, a Jaci e all’Halcion… E non senza consapevolezza, peraltro: “La stessa scienza che cerca di spazzare via l’idea di Dio cerca adesso di salvarci dall’orrore della sua assenza”. Cerco di consolarmi ipotizzando che le app per incontri, a cominciare da Tinder, stiano per rendere obsoleto almeno un avvilimento su due, il meretricio. Chiedo lumi ad alcuni proprietari di smartphone (io saggiamente possiedo un Nokia vecchio stile) e mi rispondono di no: “La prostituzione resiste alla grande perché salta tutti i passaggi, compreso il breve corteggiamento tinderiano”. A questo punto dovrei cadere in preda allo sconforto definitivo e invece no, mi viene un dubbio: non è che le prostitute ci passeranno “avanti nel regno di Dio” proprio per il loro tenere testa al diabolico digitale?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi