Sia espulso chi tifa una nazionale straniera

Chiunque venga sorpreso a cantare un inno nazionale straniero sia immediatamente espulso. Gli invasori cinesi, che tra Firenze e Prato hanno semidistrutto il tessile italiano a colpi di concorrenza sleale, cantano l’inno cinese in faccia alle forze dell’ordine che dopo anni di ignavia tentano di far rispettare la legge
Sia espulso chi tifa una nazionale straniera

(foto LaPresse)

Chiunque venga sorpreso a cantare un inno nazionale straniero sia immediatamente espulso. Gli invasori cinesi, che tra Firenze e Prato hanno semidistrutto il tessile italiano a colpi di concorrenza sleale, cantano l’inno cinese in faccia alle forze dell’ordine che dopo anni di ignavia tentano di far rispettare la legge. Vengano dunque accompagnati alla frontiera, espulsione definitiva, mentre agli invasi italiani che per odio di sé tifano per nazionali di calcio straniere venga comminata l’espulsione a tempo (lo sport è anticristiano, vedi Tertulliano, e il tifo una patologia, ma il tifo per lo straniero oltre che tifo è tradimento). Stessa punizione per Beppe Severgnini il quale da giorni non fa che cantare l’inno di Bruxelles (in esilio nella sua amata capitale belga islamizzata, dunque).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi