Una preghiera per il bandito Hood

E’ morto il signor Hood e non era un galantuomo: forse (anche questo è da vedere) fu dalla parte delle donne che volevano abortire, certo non fu dalla parte dei bambini che, ancora più deboli delle loro madri disperate, ancora più bisognosi di quella lealtà.
Una preghiera per il bandito Hood

Marco Pannella (foto LaPresse)

E’ morto il signor Hood e non era un galantuomo: forse (anche questo è da vedere) fu dalla parte delle donne che volevano abortire, certo non fu dalla parte dei bambini che, ancora più deboli delle loro madri disperate, ancora più bisognosi di quella lealtà e di quella gentilezza che un gentiluomo per definirsi tale dovrebbe fornire, volevano vivere.

 

Non era ispirato dal sole, come cantò Francesco De Gregori: da qualcos'altro, direi. E le sue pistole (continuo a parafrasare la meravigliosa “Signor Hood”) non erano caricate a salve: 6 milioni di piccoli italiani non sono morti perché il ginecologo faceva “bum!” con la bocca. Che fosse un bandito negare non si può. Io grazie a lui, insieme a lui, fui un bandito nella misura di un seimilionesimo almeno. Prego per la sua anima e per la mia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi