Mandate un prete a Pannella

Mandate un prete a Pannella, più che andare a trovarlo. In via della Panetteria mandate un sacerdote perché è l’unica persona che può ancora servirgli a qualcosa. Il politico radicale ha sulla coscienza un fiume di aborti e di divorzi e se per molti questi sono risibili problemi morali è perché molt
Mandate un prete a Pannella, più che andare a trovarlo. In via della Panetteria mandate un sacerdote perché è l’unica persona che può ancora servirgli a qualcosa. Il politico radicale ha sulla coscienza un fiume di aborti e di divorzi e se per molti questi sono risibili problemi morali è perché molti ignorano che il 63 per cento dei suicidi giovanili si verifica in nuclei famigliari con padre assente, gli stessi da cui proviene l’80 per cento dei bambini ricoverati nei reparti psichiatrici. Sono dati Usa che valgono per l’universo mondo: un problema morale quando diventa di massa è un problema sociale. Siccome il divorzio ha distrutto il matrimonio ossia l’ambiente che consentiva alle donne di partorire i due figli virgola qualcosa che garantiscono il ricambio generazionale, a svuotare la penisola peggio della peste del Manzoni è stato proprio il vecchio capo dei maltusiani. Oggi l’Italia è l’Ospizio d’Europa: chiedete a Pannella. Domani i giovani non avranno la pensione: chiedete a Pannella. A Copernico e a Verne hanno dedicato crateri lunari, a Pannella bisognerebbe dedicare il buco dell’Inps. “Che fosse un bandito negare non si può”, dice Francesco De Gregori. E allora a questo killer della demografia nazionale mandate un prete, se davvero gli volete così bene (non pensate bastino le preghiere promesse dal Dalai Lama: come tutti i buddisti il Dalai Lama è ateo, i suoi Om sono soltanto vocalizzi, gargarismi dell’anima). Gli storici non potranno che condannarlo mentre Dio, nella sua misericordia, potrebbe decidere di non farlo: ma urge un pentimento, una confessione, un’assoluzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi