Ormai non si capisce più quali siano i peccati

Mi stanno rubando la confessione, i preti che benedicono chi ruba i bambini. Io non so più a quale confessionale accostarmi, non so più di quali peccati accusarmi: quelli elencati nel Decalogo? O quelli che i media e i preti asserviti ai media giudicano tali?
Mi stanno rubando la confessione, i preti che benedicono chi ruba i bambini. Io non so più a quale confessionale accostarmi, non so più di quali peccati accusarmi: quelli elencati nel Decalogo? O quelli che i media e i preti asserviti ai media giudicano tali? Vale il catechismo o valgono le interviste? Trattandosi di elenchi sempre più divergenti, è importante saperlo. Penso al parroco di Cesano (Roma) che ha giustamente battezzato tre gemelline, incolpevoli di essere state prodotte con gran traffico internazionale di ovuli e uteri, e nel mentre ha empiamente benedetto i trafficanti, per nulla pentiti anzi orgogliosissimi. “Tutto è nato dal desiderio di accoglienza nei confronti delle tre creature e dei loro due papà”, ha dichiarato costui. Pare che il vescovo abbia approvato e comunque il prete non è stato sospeso, è sempre lì a impartir sacramenti e a tradir Cristo. Non esiste più la fornicazione? Sono peccatori solo gli eterosessuali adulteri, mentre gli omosessuali fedeli sono da considerarsi senza macchia? Non esiste più la superbia? Volersi fare uguali a Dio, manipolare la vita umana in laboratorio, decidere cosa è bene e cosa è male, seguire il motto del satanista Aleister Crowley ossia “Fai ciò che vuoi”, non candida più all'inferno? Fuori da ogni confessionale venga apposto l'elenco dei peccati secondo il confessore all'interno: uno lo legge e si regola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi