Prostituzione a chilometro zero

Se chi pretende di cambiare il mondo è un pazzo, chi pretende di cambiare il sistema solare che cos’è? A Parigi alcuni grossi politici vorrebbero decidere la temperatura del pianeta, che è come voler decidere la temperatura del sole: il Chaplin del “Grande dittatore” al confronto era un timido dilet
Se chi pretende di cambiare il mondo è un pazzo, chi pretende di cambiare il sistema solare che cos’è? A Parigi alcuni grossi politici vorrebbero decidere la temperatura del pianeta, che è come voler decidere la temperatura del sole: il Chaplin del “Grande dittatore” al confronto era un timido dilettante. Sempre per tenere sotto controllo il termometro della galassia, Eataly dalle pagine dei quotidiani esorta a mangiare cibi locali. Ho letto che per fare arrivare un chilo di frutta dal Cile si consumano 6,9 chili di petrolio e si emettono 21,6 chili di anidride carbonica. Sarebbe pertanto meglio, per le sorti dell’universo, consumare prodotti locali, e su questo potrei perfino essere d’accordo siccome sono un ghiottone identitario, solito cibarsi di pere nobili e mele campanine. Ma nella vita non esiste solo la frutta. L’altra notte ho romanticamente percorso la mitica via Emilia da Bologna Borgo Panigale a Modena Bruciata: quaranta chilometri di puttane e non una, a occhio e croce, era a chilometro zero. Le ragazze sembravano provenire tutte dall’Africa più nera, chissà quanti chili di petrolio sono stati consumati e quanta anidride carbonica è stata emessa per farle arrivare fin qui. Che i vip della democrazia riuniti a Parigi scoprano la coerenza e promuovano la prostituzione sostenibile, con professioniste nate nel circondario e che raggiungono il posto di lavoro in bici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi