I batteristi sono spesso buzzurri muscolari o pesi morti, non Giancarlo Golzi

A parte gli intimi nessuno conosceva i dati anagrafici di Giancarlo Golzi, batterista ignoto dei famosi Matia Bazar. Nemmeno io che sono un maniaco mi ricordavo il suo cognome e figuriamoci il nome: Gianluca? Gianluigi?
I batteristi sono spesso buzzurri muscolari o pesi morti, non Giancarlo Golzi

A parte gli intimi nessuno conosceva i dati anagrafici di Giancarlo Golzi, batterista ignoto dei famosi Matia Bazar. Nemmeno io che sono un maniaco mi ricordavo il suo cognome e figuriamoci il nome: Gianluca? Gianluigi? I batteristi sono spesso buzzurri muscolari o pesi morti (ovviamente penso a Ringo Starr), mentre Golzi era Matia Bazar quanto la venerata e bramata Antonella Ruggiero. Suo non soltanto, com’è ovvio, l’assolo di batteria di “Cavallo bianco”, suo anche, e di ovvio non c’era nulla, il testo di “Il video sono io”, manifesto di un’incredibile new wave italiana.

 

Ligure di ponente, diede il ritmo a “Per un’ora d’amore” e quindi ad anni di amplessi balneari. E’ morto a Bordighera dove morì anche Fausto Papetti, un altro musicista che ha fatto del bene alla demografia. Potessi anch’io morire dopo avere sollecitato tanta vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi