Turisti (necrofagi) in viaggio di nozze

Il loro problema è il viaggio di nozze. Tifano per la Grecia nell'euro non per evitare ripercussioni sul nostro debito, né per Omero, Aristotele, Platone, figuriamoci, ma per andare a farsi selfie davanti al Partenone. Bisogna che i contribuenti italiani continuino a pagare la pensione ai cinquanten
Il loro problema è il viaggio di nozze. Tifano per la Grecia nell'euro non per evitare ripercussioni sul nostro debito, né per Omero, Aristotele, Platone, figuriamoci, ma per andare a farsi selfie davanti al Partenone. Bisogna che i contribuenti italiani continuino a pagare la pensione ai cinquantenni greci affinché le lune di miele procedano senza scosse. L'inviato del Corriere ha pescato ad Atene due neosposi umbri: “Volevamo andare in Turchia, poi lì ci sono stati gli attentati e allora abbiamo cambiato pacchetto. Ormai non sai più dove andare”. Starsene a casa no? I miei genitori non hanno fatto viaggio di nozze, i miei nonni forse non conoscevano nemmeno l'espressione. Non andavano al cinema, loro. Non erano eterodiretti da Hollywood che ha imposto l’honeymoon nel mondo. Non consideravano il matrimonio il pretesto per una vacanza. Mai come quest’anno il turista mostra il suo profilo di necrofago. Cosa cerca in Grecia? Gli dei se ne sono andati, le statue di Fidia sono al British, il grande Pan è morto. Solo la gente è rimasta uguale ossia “incorreggibile” (Catone il Censore). Allora si scelga la riviera romagnola dove i bancomat funzionano e la grande piadina è viva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi