Laura Antonelli, la bellezza che gli italiani non meritavano

Laura, gli italiani non ti meritavano, si meritavano giusto di farsi le seghe con le tue foto e i tuoi film. Nient’altro che seghe, quelle seghe di uomini. Tu eri istriana e gli italiani non se la meritavano l’Istria, infatti l’hanno persa.
Laura Antonelli, la bellezza che gli italiani non meritavano

Laura, gli italiani non ti meritavano, si meritavano giusto di farsi le seghe con le tue foto e i tuoi film. Nient’altro che seghe, quelle seghe di uomini. Tu eri istriana e gli italiani non se la meritavano l’Istria, infatti l’hanno persa. Ad agosto pare che tutti andranno in Croazia e naturalmente non andranno a Zagabria (chi va mai a Zagabria?) ma proprio in Istria che però secondo loro è Croazia: si merita una vita di seghe chi chiama Croazia l’Istria. Nel ‘91 furono degli italiani ad arrestarti per cocaina. A parte che nessuno dovrebbe essere arrestato per cocaina, a parte che dovrebbe essere arrestato chi arresta qualcuno per cocaina perché usa i soldi del contribuente per colpire dei malati anziché dei criminali, nessun uomo dovrebbe poter arrestare, per qualsivoglia reato, una divina creatura. Tu che avevi pure le fossette di Venere, a riprova. Con quale coraggio arrestarono una dea? Gli italiani che ti distrussero furono peggio dei talebani che in Afghanistan distrussero i Buddha, dei califfisti che a Mosul distrussero le statue del museo. Quelli erano idoli di pietra: tu eri carne e pianto. A loro, l’inferno dell’onanismo eterno. A te, un paradiso che assomigli alla Pola prima di Tito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi