L’immigrazionismo è figlio dell’ignoranza

Michelle Obama se ne viene in Italia per promuovere il consumo di cuscus

L’immigrazionismo è figlio dell’ignoranza. Michelle Obama se ne viene in Italia per promuovere il consumo di cuscus, piatto simbolo dell’Eurabia, e in più vuole convincere che sottomettersi anche gastronomicamente fa bene alla salute. Ignorando che essendo il cuscus a base di cereali è diabetizzante e ingrassante tal quale un piatto di paccheri di Gragnano. Oscar Farinetti in una pagina pubblicitaria della sua catena anglofona promuove, con logica ebbra, il presente sbarco di africani mostrando il buono venuto dai passati sbarchi di riso, patate, pomodori, birra, vino, caffé… Come se gli uomini fossero paragonabili a patate, come se i pomodori potessero reclamare diritti, moschee, abolizione del maiale nei menù... Ignorando inoltre che il vino migliore del mondo, che non è il suo Barolo bensì il mio Lambrusco, deriva dalla domesticazione delle viti selvatiche presenti nei nostri boschi ab immemorabili. La Mesopotamia col Lambrusco non c’entra una beata fava: la prossima volta, invece di fare disinformazione, Farinetti si informi dal professor Attilio Scienza, suo amico e mio maestro di ampelografia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi