Potessi trasferirmi a Lucca

Torno ora dalla città più conservatrice di Toscana e forse d’Italia

Potessi trasferirmi a Lucca. Torno ora dalla città più conservatrice di Toscana e forse d’Italia, che molto saggiamente ha conservato il giro completo delle mura, un circuito di alberi, mattoni e prati tutto camminabile e pedalabile che ogni sindaco dovrebbe prendere come modello. Visto che i confini nazionali non vengono difesi, e che quelli regionali servono solo a delimitare le aree di influenza amministrativa dei ras politici locali, restano i confini comunali. “Come si mette ordine nel caos?” si è domandato Régis Debray. “Tracciando una linea. Separando un dentro da un fuori”. Nemmeno Lucca, sia chiaro, è perfetta: di notte le sue porte restano sciattamente aperte, e di giorno purtroppo non ci sono guardie a controllare i documenti e le facce di chi entra. Eppure basta ammirare i suoi baluardi per capire il significato della parola “deterrenza”. Solo col loro esistere, mura del genere consigliano a un Abdel Majid Touil di starsene alla larga. Che questo marocchino sia un terrorista o uno degli innumevoli invasori tranquilli che anziché attentare alla vita degli italiani si limitano ad attentare al loro portafoglio, succhiando servizi pubblici, conta relativamente. Non sto scrivendo una preghiera garantista: Touil è comunque colpevole di qualcosa, quantomeno di violazione di frontiera. Potessi trasferirmi dentro una città murata, dove simili ceffi non trovano cittadinanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi